Parcheggio selvaggio delle biciclette sulla ciclabile: adesso arrivano le multe. Pu24 lo dice da due anni…

di 

9 luglio 2013

PESARO – PU24 l’aveva scritto più volte. Due anni fa, con il completamento della ciclabile, aveva sollevato più volte il problema: la maleducazione di molti pesaresi nell’utilizzo della pista ciclabile. Parcheggio selvaggio compreso (documentato dalle nostre foto, che risalgono a quasi due anni fa)

La pista ciclabile di Viale Trieste - lato ferrovia - utilizzata come un parcheggio

La pista ciclabile di Viale Trieste – lato ferrovia – utilizzata come un parcheggio. La foto è dell’anno scorso…

Ora, dopo l’episodio di domenica pomeriggio in Viale Trieste, con la protesta avvenuta contro l’ambulanza che non riusciva a passare per prestare soccorso a Bagni Riccardo (una dipendente si era sentita male, ndr), se ne sono riaccorti tutti.

Adesso, lo stop alle bici parcheggiate sulla ciclabile arriva direttamente dall’assessore comunale Biancani che promette: aumenteranno i controlli dei vigili.

“Il grande utilizzo della ciclabile è un dato positivo per Pesaro ma è incomprensibile che le persone continuino a parcheggiare i mezzi lungo la ciclabile – ha rimarcato Biancani -. Soprattutto in quel tratto di pista più stretto di altri è opportuno evitare di lasciare la bici sul percorso”.

Tags:

10 Commenti to “Parcheggio selvaggio delle biciclette sulla ciclabile: adesso arrivano le multe. Pu24 lo dice da due anni…”

  1. Tommaso Bianchi scrive:

    Caro assessore Biancani, ma lei in Viale Trieste ci è mai passato? C’è poco da stupirsi, i parcheggi per le bici non sono stati fatti e quelli per gli scooter sono molto molto insufficienti. Non si tratta di maleducazione, perchè i primi ad essere riempiti sono gli stalli appositi. Ma poi una volta finiti come si fa? Si porta la bici sotto l’ombrellone? Se prendo la macchina mi sta bene dover fare un pezzo a piedi, anche lungo. Ma con la bici no, la si usa per comodità e per non avere il problema del parcheggio. Quindi sta a voi realizzare un numero di parcheggi congruo a quelli che servono e non a noi a parcheggiare a 1 chilometro persino la bicicletta. Oltretutto avete preteso di collegare Pesaro a Fano con una pista ciclabile e non vi è venuto in mente che qualcuno avrebbe potuto fermarsi lungo il tragitto…c’è poco da incolpare noi, è chi ha approvato il progetto che si è dimostrato non all’altezza del ruolo che ricopre.

    • Luciano scrive:

      Pu24 ha dimostrato, in passato, con fotografie, che la sua affermazione e’ inesatta: spazi per scooter e biciclette vuoti, ma pista ciclabile occupata. Domanda: se capitasse a noi di avere necessità di un soccorso e questo fosse reso impossibile dalle biciclette altrui, come reagiremmo?

      • Tommaso Bianchi scrive:

        Certo, è ragionevolissimo quello che dice sulla necessità che i soccorsi siano celeri…forse non si è capito, ma anche io sono contro coloro che usano la pista ciclabile come un parcheggio. Però è chiaro che la necessità di parcheggi in zona mare è di molto superiore a quelli esistenti. Fossimo in una città dove c’è poco interesse per la bici lo potrei capire, ma in una città come Pesaro, che ha più piste ciclabili che fermate degli autobus, non considerare il problema del parcheggio o sottostimarlo a tal punto denota una grossa incapacità progettuale. Poi è ovvio che il buonsenso (che non tutti hanno) suggerisce di occupare prima gli spazi appositi…ma alle 11 di mattina gli spazi appositi sono già finiti.

  2. Luca Melchiorri scrive:

    Senza il minimo tono polemico.
    Dove le si mettono le bici? Al Santa Marta ce la metto pure volentieri, basta che si inseriscano le rastrelliere.

  3. emanuela scrive:

    Caro Assessore sono d’accodo con Lei!!!!!!! c’è modo e modo di parcheggiare le biciclette, come i motorini come le auto. Quando uno non ha il buon senso, non lo applica nemmeno nelle cose più evidenti, mi dispiace, ma ‘sti pesaresi sono un pò tutti alla carlona. Voglio sottolineare anche un’altra cosa: i pedoni che attraversano Via Bramante, all’altezza di Palazzo Cermatori, se vengono investiti NON devono avercela con gli automobilisti, le strisce pedonali sono a 10 metri da lì e devono usare il cervello!!!!! E’ ora di smetterla di prendersela con le istituzioni. Cordialità.

  4. Rossella scrive:

    Concordo pienamente con Tomnaso B. Troppo facile incolpare sempre il cittadino. Le cause del mal parcheggio di bici e scooter a cosa è dovuto? Una carenza di posti ovvio….a meno che, muniti di una fune non le appendiamo agli alberi.

  5. Massimiliano scrive:

    l’amministrazione non deve cadere sempre dal pero. In quel tratto,un dipendente del comune (non l’impiegatino di turno) ha in concessione una spiaggia quindi il problema lo vede tutti i giorni,come il problema statale. Detto ciò possiamo parlare quanto vogliamo ma senza educazione finisce così. Io se devo andare alle poste in via Mastrogiorgio e,non trovo il parcheggio,non fermo l auto in mezzo alla via perchè non ci sono parcheggi!!!!! Dovrebbero passare per la ciclabile con un mezzo e, tronchesi alla mano confiscare le bici che dan fastidio e,i motorini che li proprio non dovrebbero esserci!!!!!

  6. Ago scrive:

    Domenica scorsa come tutte le domeniche d’estate, l’area vicina all’ingresso della zona 5 (ultimo sottopasso prima del Fosso San Jogre) era completamente occupata da auto e motorini parcheggiati ovunque: Ciò impediva il passaggio dei pedoni, passeggini, disabili…….
    nel caso ci fosse stato bisogno dei mezzi di soccorso del 118, questi avrebbero dovuto, nella migliore ipotesi …”volare”. La cosa si ripete tutti gli anni .. non c’è mai stato un intervento dei vigili.
    Non è una questione di spazio ma di cattiva educazione: ” Io parcheggio non mi importa niente degli altri, tanto non mi fanno niente!”
    Domenica prossima sarà la stessa cosa…… così fino al prossimo anno ed al prossimo ancora …..

  7. Ivan scrive:

    Per me purtroppo stiamo parlando di “Aria”; Pesaro arriva a 140 mila abitanti durante l’estate, contate quanti posti bici esistono (ufficiali a rastrelliera)… contate quanti posti auto ci sono.. presto fatto molti di più… ecco il risultato, un disastro.
    Esistono 2 pratiche soluzioni a parer mio:
    il primo è quello di acquistare una o due ambulanze 4×4 (fuoristrada) che può tranquillamente percorrere il tratto della battigia (esistono non è fantascienza) in questo modo si annullerebbe il problema del primo soccorso facendo spostare la gente per quel secondo che passa l’ambulanza.
    Il secondo è quello di mettere il divieto assoluto di parcheggiare automobili lungo viale trieste (dal porto al Maracanà) più il tratto di statale delle spiagge sottomonte; questi centinaia di posti auto permetterebbero a scooter e bici di trovare moltissimi posti in più quindi di NON parcheggiare sulla ciclabile (considerate che 1 auto occupa 5/6 scooter o 10 biciclette).
    Bene veniamo ai possibili altri problemi… mi potreste dire… e le famiglie? i passeggini ecc..?
    Ok sono daccordo, chi ha figli con passeggino può parcheggiare nei parcheggi solo per auto (vedi s. marta, viale trento o limitrofi, tribunale, curvone…ecc…) oppure come fanno in pochi (io fortunatamente si) si porta la bici in un parcheggio (tipo san decenzio o tribunale) si lascia l’auto li e si va al mare in bicicletta. Esistono anche gli autobus gratuiti volendo.
    Il comune può fare tante cazzate, ma se anche noi non diamo una mano a vivere meglio… siamo come un cane che si morde la coda!
    Personalmente sono andato in varie spiagge il problema è ovunque, non è possibile che io vado al mare sottomonte alle 14.30 e non trovi un posto nell’arco di 2km per uno scooter (quando vado in 2 con lo scooter), perchè hanno parcheggiato 13 macchine togliendo il posto a 60/70 motorini, poi ci credo che questi te li vedi parcheggiati in sosta vietata, davanti bidoni, nei marciapiedi ecc… Diamo noi una mano al comune; ma anche voi “scalda sedie comunali” ascoltate questi consigli e non ignorateli perchè ve li dice una persona fuori dalla “sede”, potrei essere la voce di migliaia di persone!
    Saluti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>