“Geologia e Gusto” per unire le tipicità culinarie e il territorio. La soddisfazione di Cristini

di 

11 luglio 2013

URBINO – E’ stato presentato, nell’aula magna del rettorato dell’università di Urbino Carlo Bo, il corso di perfezionamento post laurea, “Geologia & Gusto”. Sempre più attenzione quella mediatica e non solo rivolta all’arte culinaria, ma non sempre la stessa attenzione viene riservata al territorio e alle sue tipicità.

Geologia & Gusto

La presentazione di Geologia & Gusto

Stefano Pivato, magnifico rettore di UniUrb, crede fortemente in questo progetto, essenziale in un ateneo e in territorio come quello urbinate.

“Sarà un completamento del Dipartimento di Geologia – dice il professor Rodolfo Coccioni, docente di Paleontologia dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo – In questo corso oltre a valorizzare il territorio e la sua composizione chimica,  scopriremo la chimica e i relativi “effetti” di piatti, posate e bicchieri che a seconda di materiale e dimensioni possono cambiare la percezione del gusto”.

Non poteva mancare il gotha per eccellenza dell’enogastronomia, il cavaliere Giuseppe Crisitini, che trasmetterà la cultura del buon cibo, sfamando corpo e spirito, insegnando il rispetto per l’ambiente: “Perché tutto viene da una zolla di terra”. Continua Cristini: “Dobbiamo educare, soprattutto i giovani che non esistono solo il dolce del cioccolato e il salato delle patatine fritte ma esiste tutta una differente speziatura. Dobbiamo poi lanciare il brand Montefeltro, un distretto  formato da tutti quei produttori che producono con amore e secondo certi canoni”.

In esclusiva per pu24.it Cristini si sbilancia e dice: “Ho già qualche idea sulle aziende dove effettuare gli stage e le lezioni…saranno sicuramente produttrici di D.O.P e tipicità e naturalmente saranno feltresche”.

Entusiasta anche Tiziana Primori, direttore generale alla gestione di Coop Adriatica, di questo post laurea: “Coop è da sempre attenta al buon mangiare e al buon bere e alla valorizzazione del territorio”.

Da lunedì saranno aperte le iscrizioni, il corso inizierà il 1 ottobre 2013 e terminerà il 30 ottobre 2013, posti massimi 50, al costo di 500 euro (un buon contributo è stato dato da Coop Adriatica).

Fermento durante la conferenza tra gli addetti stampa dell’Università. Tiziano Mancini si trovava con il regista Beniamino Catena legato alla casa di produzione italiana, TaoDue, per i sopralluoghi ai locali dell’università. Infatti la mini fiction “Il Bosco”, genere noir/thriller, è ambientata in una piccola città universitaria.

Catena è stato intervistato da una addetta stampa UniUrb, la giornalista Anuska Pambianchi che ha subito scritto su Post.Unirb, magazine online dell’Università di Urbino, un pezzo sulla visita del regista che dichiara: “Urbino è perfetta per la trama del film. L’università è piccola e circondata dal verde che serve alla troupe per girare le scene nel bosco. La cosa che mi piace di più è questo legame tra architettura rinascimentale e moderna. Per il 90% posso già confermare che verrà girato qui nei prossimi mesi. Avremmo bisogno anche di molte comparse autentiche: i vostri studenti”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>