Venerdì di Cagli, pronti agli anni ‘60. Si continua il 19 luglio

di 

15 luglio 2013

CAGLI – “C’era una volta”… E venerdì sera, a Cagli, c’era ancora. Il piacere di leggere le favole, quello di ascoltarle, la gioia di giocare insieme, genitori e figli e pure nonni. Eccolo, il primo dei “Venerdì di Cagli”, quello appena archiviato e che ha aperto le quattro serate “favolose” organizzate nel centro storico di Cagli da assessorato Sviluppo economico, commercianti e dalla neonata associazione “Go, Giovani Oggi” (che cura seconda e quarta serata).

 

In piazza Matteotti, le animatrici di Yabadabbaduuu hanno concentrato storie di sabbia, favole animate, bolle di sapone, zucchero filato e giochi da fare insieme, grandi e bambini, per imparare ad ascoltare, ma anche un po’ a sognare.

 

Davanti al teatro c’erano, invece, i vecchi giochi. Quelli in legno che i bimbi conoscono poco, ma che nonni e genitori gli hanno insegnato con pazienza ed emozione. La voglia di stare insieme e condividere una serata divertente e insolita, nelle risate dei piccoli e nel piacere dei grandi di fare una passeggiata nel centro storico di Cagli.

 

Nel sagrato di San Giuseppe, a fare compagnia ai passanti c’erano i ragazzi della scuola di musica “Nova Civitas”, che si sono esibiti per tutta la serata.

 

Archiviata la prima giornata, ci si prepara già alla seconda. Venerdì 19 luglio restano tanta musica, negozi aperti fino a tardi ed espositori nelle vie del centro. Ma “I favolosi anni ’60” saranno un vero tuffo nel passato. L’associazione “Go”, che cura la serata, con #caglianni60, su Facebook sta raccogliendo fotografie in bianco e nero di una Cagli che non c’è più ma che non si può dimenticare. Mentre con un Harlem Shake che gira sulla rete invita tutti a partecipare con un abbigliamento a tema, unendo il divertimento di una festa mascherata al piacere di rivivere un pezzo di storia e costume. Corso XX settembre, poi, diventerà lo spazio privilegiato delle immagini: il “Corso della storia” raccoglierà pannelli e foto riassuntivi dei tratti salienti di un decennio che ha cambiato tutto e “Come eravamo”, proiezioni della Cagli negli anni ’60.

 

Alle 23 i “Monkey Shaker” suoneranno “in balera” e piazza Matteotti si trasformerà per accogliere i ritmi di quelle notti scatenate.

 

I “Venerdì di Cagli” continuano fino al 2 agosto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>