Qualcosa di nuovo, anzi d’antico: il ritorno dei leoni alati in piazzale della Libertà

di 

18 luglio 2013

PESARO – In piazzale della Libertà a Pesaro, fronte mare, lunedì 22 luglio inizieranno i lavori di ricollocazione di 8 panchine ispirate, in chiave contemporanea, a quelle storiche con i leoni alati ancora presenti sotto il villino liberty.

L’iniziativa, nata dall’amicizia e dalla collaborazione di Sergio Cesari e Roberto Garbugli che ha curato il progetto (entrambi allievi, in anni diversi, dell’Istituto d’Arte Mengaroni), ha coinvolto il Comune di Pesaro in qualità di capofila istituzionale e coordinatore, e un team di imprese del territorio, che a vario titolo hanno dato il proprio contributo tecnico e sostegno economico.

Panchina con i leoni alati

Panchina con i leoni alati

Queste, le aziende che hanno partecipato alla realizzazione delle nuove panchine: Renco Spa, che ha sponsorizzato l’intervento e coperto tutti i costi dell’iniziativa; Laboratorio Pesaro, nella persona di Alberto Falasconi che ha prodotto lo stampo e la forgiatura dei leoni alati in materiale ceramico Ipergres Monolite; Valeriani e Rossini Srl, che ha realizzato la struttura interna in acciaio; Brera Spa, che ha fornito le assi di seduta in materiale Betacril.

Roberto Garbugli, nel progettare i nuovi leoni alati, ha inteso rendere omaggio all’identità pesarese, utilizzando tecnologie e materiali di ultima generazione, comunque originati dalla nostra tradizione: il Monolite Ipergres smaltato in tono blu, come resistentissimo derivato della ceramica e il Betacril (pietra acrilica) anch’esso in grado di garantire un’assoluta inattaccabilità dagli agenti atmosferici e dall’azione del mare.

 

Il restauro delle panchine originarie

 

A settembre, anche le 6 originarie panchine (progettate nel 1928 dal professor Leonardo Ricci, insegnante di Ornato e Plastica decorativa sempre dell’Istituto Mengaroni), saranno sottoposte a restauro, grazie all’ulteriore sostegno di Renco Spa; contestualmente, verrà presentato uno studio di Roberta Martufi sulla nascita e la storia dei leoni alati che chiuderà il cerchio di questo ideale ricongiungimento fra passato e contemporaneità.

 

PROGETTO STUDIO ROBERTO GARBUGLI

1) Leoni utilizzati come carter estetico in materiale ceramico: impasto di grès – MONOLITE IPERGRES® by Laboratorio Pesaro Srl 2) telaio portante laterale: acciaio by Valeriani e Rossini Srl 3) seduta sagomata: centine strutturali in acciaio + doghe in “Solid Surfaces” – materiale composito di idrossido di alluminio e resina acrilica by Brera Spa

La panchina è un progetto dello studio Roberto Garbugli

Ceriscioli

La presentazione delle nuove panchina

E’ stata realizzata con alle due estremità 2 leoni in grés, più specificatamente in Monolite Ipergres® I leoni sono cotti in monocottura ad alta temperatura (1230°C) selezionando argille e minerali di alta qualità, in complessi ed innovativi processi di lavorazione. La monocottura ad alta temperatura consente all’impasto di ceramica di combinarsi fortemente con lo smalto, conferendo alla superficie smaltata degli oggetti una elevata resistenza nel tempo ed un alto valore qualitativo. Nel contempo siffatti materiali ceramici garantiscono una notevole resistenza agli urti, ai graffi, agli agenti atmosferici, agli agenti chimici, all’abrasione ed alle sostanze corrosive; un’ottima resistenza alla trazione indiretta mediante flessione; un’ottima resistenza all’urto; una superficie smaltata perfettamente vetrificata, che non assorbe grassi e liquidi ed è perfettamente igienica che può essere lavata o pulita con qualsiasi tipo di detergente.

La seduta è realizzata in doghe di Solid Surfaces, materiale composito di idrossido di alluminio e resina acrilica, che sono progettate in modo da resistere alla sollecitazione generata dal peso delle persone sedute senza consentire deformazioni significative.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>