Occulta i documenti “del nero” nel water: beccato odontoiatra pesarese. Avrebbe nascosto al fisco 500mila euro

di 

24 luglio 2013

PESARO – Odontoiatra occulta al Fisco mezzo milione di euro. La Guardia di finanza di Pesaro riesce a recuperare nello scarico del water la documentazione “in nero” relativa ai compensi percepiti non dichiarati. Scoperti, altresì, due doppifondi sotto un acquario.

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Pesaro nel corso di una verifica fiscale nei confronti di un odontoiatra operante nel capoluogo hanno scoperto un piccolo tesoro sottratto o, comunque, nascosto al Fisco.

Più in particolare, nel corso delle operazioni di accesso domiciliare, il professionista in questione ha cercato di far sparire attraverso lo scarico del bagno la documentazione “in nero” costituita da un gran numero di “post-it”,  strappati frettolosamente, che i Finanzieri con certosina pazienza hanno recuperato – seppur macerati – utilizzandoli successivamente nelle operazioni di verifica fiscale; tra l’altro, sono stati trovati 2 doppifondi “a scomparsa”  posti sotto un acquario.

Inoltre, attraverso le risultanze contabili e l’audizione di più di  100 pazienti-clienti è stato possibile ricostruire il reddito reale dell’interessato, che risultava dichiarare poche decine di migliaia di euro all’anno.

I Finanzieri hanno accertato che il citato professionista ha occultato al Fisco negli ultimi 4 anni circa 500 mila euro che, è evidente, gli hanno consentito di avere un tenore di vita elevato.

Da rimarcare che il suddetto grazie a tale ingente evasione era riuscito ad acquistare beni immobili di lusso in Italia e in un Paese sudamericano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>