Scoperti due centri estetici e una parrucchieria sconosciuti al Fisco: evasione da 250mila euro

di 

31 luglio 2013

PESARO – Continua senza soste l’azione della Guardia di finanza di Pesaro nei confronti delle attività abusive: scoperti due centri estetici ed una parrucchiera sconosciuti al Fisco, che si rifornivano dal web. Stimata una evasione di circa 250.000 euro.

I militari della compagnia della Guardia di Finanza di Pesaro hanno scoperto due centri estetici e un esercizio di parrucchiera abusivi e sprovvisti di qualsivoglia autorizzazione comunale, sanitaria e fiscale. Il primo centro estetico era completamente dedicato alla ricostruzione delle unghie e alla “manicure” in genere, situato in un locale posto nel seminterrato di una abitazione privata. I prodotti necessari per l’attività venivano acquistati direttamente tramite siti internet specializzati. Il secondo era ubicato anch’esso all’interno di un appartamento con modalità di esercizio delle attività analoghe a quelle di cui sopra.

In entrambi i casi, durante l’accesso eseguito dai militari della Guardia di Finanza, è stata rinvenuta copiosa documentazione extra-contabile, utile per ricostruire il giro d’affari. Infine, la parrucchiera, titolare di un salone sino al 2008, operava in una pertinenza della propria abitazione completa di tutte le attrezzature e dei prodotti necessari allo svolgimento dell’attività.

Dalle indagini sinora eseguite è stato stimata una evasione di circa 250.000 euro.

Un commento to “Scoperti due centri estetici e una parrucchieria sconosciuti al Fisco: evasione da 250mila euro”

  1. e.g. scrive:

    ….e allora cosa vi arrabbiate se aumentano le tasse???? la “colpa” è degli italiani se ci troviamo in questa situazione…. mi dispiace dirlo ma è così purtroppo. :(

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>