Vendita e consumo dei prodotti agricoli. Confcommercio: “Un incomprensibile vantaggio”

di 

7 agosto 2013

PESARO – Duro giudizio di Rete imprese Italia sull’emendamento approvato ieri dalle Commissioni riunite del Senato al “Decreto Fare”, oggi in aula, che, oltre a consentire il consumo immediato dei prodotti agricoli presso le aziende produttrici, permette agli agricoltori di svolgere l’attività di vendita in deroga a qualsiasi norma relativa alla destinazione urbanistica della zona e alla destinazione d’uso dei locali in cui viene svolta.

“Si tratta di un ingiustificato e incomprensibile vantaggio che viene concesso agli imprenditori agricoli, che già godono di regimi di favore, e che potranno vendere e somministrare prodotti, anche non di propria produzione – commenta il presidente di Rete Imprese Italia Malavasi – senza essere soggetti alle regole e agli obblighi degli altri operatori economici. Una disparità di trattamento destinata a penalizzare interi comparti senza recare alcun beneficio ai consumatori. Chiediamo con forza al Parlamento di sanare questa ingiustificata forzatura e di eliminare una inaccettabile disparità che penalizza le imprese della distribuzione commerciale”.

Tags: , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>