Quei messaggi di Papa Francesco che entrano anche nelle coscienze delle persone diffidenti

di 

11 agosto 2013

PESARO – Qualche giorno fa riflettevo con un giornalista sul ruolo di risveglio delle coscienze che sta avendo Papa Francesco. Come spesso mi accade, parlando e soprattutto ascoltando mi stupivo della capacità che questo Papa ha di entrare nelle coscienze delle persone inizialmente diffidenti verso la Chiesa, intesa soprattutto come istituzione prima che come comunità di fedeli. Parlando, questo giornalista mi ha illuminato con una riflessione: “Francesco nei suoi continui messaggi ha come destinatari privilegiati i vescovi e quei sacerdoti che sono ancora induriti dal nuovo corso pastorale, incentrato sulla sobrietà delle strutture e la freschezza delle parole. Ed è proprio questo il suo maggiore problema: la gente, i fedeli che affollano le parrocchie, lo seguono esultanti, ma le Curie spesso frenano, o fanno orecchi da mercante”.

Papa Francesco alla recita dell'Angelus in piazza San Pietro

Papa Francesco alla recita dell’Angelus in piazza San Pietro

Nel contesto di questa rubrica non voglio entrare in diatribe che potrebbero facilmente farmi scivolare in giudizi facili quanto superficiali, ma vorrei riflettere sul “presente” che la Chiesa sta vivendo, quel “qui ed ora” che ci vede come una famiglia nella quale il padre saggio cerca con tutte le forze di educare i propri figli nella maniera più retta possibile, ma i figli, in preda ai fremiti dell’adolescenza, sono refrattari ad accogliere come utili e positivi quei consigli. Ma il seme che viene seminato nel terreno buono (e lo Spirito Santo bonifica continuamente il terreno della Chiesa e delle Chiese locali) porta frutto, dove il trenta, dove il sessanta, dove il cento, ed è solo questione di pazienza, perché presto le parole di Papa Francesco verranno assorbite in tutta la loro freschezza vitalizzante anche da chi – oggi – guarda questo Papa con un velo di diffidenza o smarrimento.

 

Pierpaolo Bellucci – dittapibe@gmail.com – www.facebook.com/parlasignorepesaro

Tags:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>