La confessione: “Volevo uccidermi anche io”. Tracce di sangue rinvenute nella camera d’albergo di Lucia. Pergola, lutto cittadino

VERONA – Un uomo sconvolto, travagliato, disperato. Così ha descritto Vittorio Ciccolini, il suo legale Guarente Guarenti (ex legale di Maso). L’uomo nei giorni scorsi si sarebbe confidato con i suoi colleghi di studio.  Al vaglio le lettere e altri messaggi ritrovati dagli ispettori. Rinvenute, però, anche alcune tracce di sangue  nell’albergo dove la ragazza alloggiava.

Lucia Bellucci

Lucia Bellucci

“Volevo uccidermi anche io, ma non ci sono riuscito” avrebbe detto Ciccolini. L’autopsia su Lucia Bellucci, 31 anni, trovata morta ieri all’interno dell’auto dell’avvocato Ciccolini, si terrà domani e dovrebbe dire quali sono state le cause della morte: strangolamento o i due colpi vibrati con un coltello.

Il sindaco di Pergola, Francesco Baldelli, ha intanto proclamato il lutto cittadino nel giorno dei funerali di Lucia Bellucci. Sospesa anche la Notte Verde,  manifestazione in programma venerdì 16 agosto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>