Ridolfi: “Peccato di inesperienza, sconfitta di squadra”. Antonioni: “Un derby dedicato ai tifosi”

di 

25 agosto 2013

PESARO – Mirco Omiccioli, tecnico del Fano, applaude la propria squadra e… si scusa con i tifosi granata:  “Negli ultimi 20 minuti stavamo meglio della Vis: dovevamo essere noi quelli indietro di preparazione… Mi sono meravigliato. Antonioni? Di un’altra categoria, me lo tengo stretto. Ora voliamo basso e lavoriamo. Sono contento per i tifosi: se mi devo scusare di qualcosa in passato, lo faccio ora. Qualcuno mi rimprovera di aver fatto un gesto a Penne, chiedo scusa”.

Il gol di Ridolfi, quello del momentaneo 2-1, nel derby di Coppa col Fano

Il gol di Ridolfi, quello del momentaneo 2-1, nel derby di Coppa col Fano. Foto Fraternale Meloni

 

 

Mister Magi non perde la consueta serenità ma analizza con lucidità gli errori: “Ma c’è molto da lavorare. Dopo il 2-2 abbiamo smesso di giocare, ci siamo slegati, abbiamo cercato gli assoli. E se non giochi di casa succede che si perde”.

 

 

Antonioni, incoronato da Gabellini come uomo della partita, sorride: “Fano è la mia città, ho voglia di riscatto dopo una brutta parentesi passata. Una vittoria dedicata ai tifosi, questo derby ci deve dare fiducia e morale sapendo che da domenica è un’altra storia”.

 

 

Ridolfi, autore di un capolavoro di gol, esce dagli spogliatoi triste ma a testa alta:  “L’avevamo ribaltata alla grande, poi abbiamo peccato di inesperienza. La forma fisica? No, credo che ci abbia giocato un brutto scherzo l’inesperienza. Ma non ci sono colpe dei singoli, ha perso tutta la squadra”.

Il gol del momentaneo 0-1 firmato dal granata Antonioni

Il gol del momentaneo 0-1 firmato dal granata Antonioni. Foto Fraternale Meloni

Chicco, autore del momentaneo 1-1, uscito dal campo sostenuto da due persone, visibilmente zoppicante, spiega: “Quando ho calciato ho sentito un dolore, molto più forte delle ultime volte, sul solito piede perno destro (quello con l’infrazione che l’aveva costretto a lavorare a parte nelle ultime settimane, ndr). Tra lunedì e martedì farò dei controlli per capire cosa è accaduto”.

Il dato: 1850 circa i paganti (417 nel settore destinato ai tifosi del Fano) per un incasso di circa 19 mila euro.

 

3 Commenti to “Ridolfi: “Peccato di inesperienza, sconfitta di squadra”. Antonioni: “Un derby dedicato ai tifosi””

  1. Stefano scrive:

    Ma che cazzo di preparazione ha fatto la Vis ?

    • admin scrive:

      Gentile lettore, la Vis in realtà non ha avuto grossi problemi muscolari in preparazione. Tutti gli infortunati (e quindi anche quelli in ritardo di preparazione) hanno subito traumi, e quelli non si possono preventivare. Cusaro non è stato fatto giocare perché ha iniziato ad allenarsi 7 giorni fa col gruppo. La Vis ha giocato senza 4 titolari (Melis, Cusaro, Cremona, Bugaro) e ne ha perso un quinto dopo neanche un tempo (Chicco, per una infrazione al piede)… Magari avrebbe perso lo stesso, ed è innegabile che giocare con una difesa così sperimentale abbia inciso e sia stata una scelta rivedibile (diciamo così), ma rinunciare a 5 uomini così in un derby sarebbe stato pesante per chiunque…

  2. Vecchia maniera scrive:

    Magi ha sbagliato la difesa. Totalmente. Andavano schierati i titolari, anche a mezzo servizio, anche a corto di preparazione. Invece sento che si è voluto premiare chi si è impegnato negli ultimi allenamenti ecc… ecc…La mia opinione personale è che il calcio d’agosto non ha molto valore, tanto meno la coppa italia di D. Ieri però andava fatta un’eccezione, esclusivamente perchè era il derby e il Benelli era pieno. Doveva essere l’occasione per dare una soddisfazione ai tifosi, specie a quelli che latitano la domenica, così da farli “innamorare di nuovo” e creare entusiasmo, in fondo questi ragazzi hanno dimostrato l’anno scorso che lo possono fare. Purtroppo sono state fatte altre valutazioni ieri inoppurtune.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>