Un Msg di Pace: orchestra dei giovani delle Marche, di Sarajevo e di Gerusalemme a Pesaro nella chiesa di San Giovanni Battista

di 

27 agosto 2013

PESARO – La musica è strumento di pace e di fratellanza, capace di creare ponti di amicizia e di solidarietà. La presenza nelle Marche di musicisti di Sarajevo e di Gerusalemme, dal 25 agosto al primo settembre, offre occasioni di incontro con la comunità locale e di crescita umana e professionale tra i partecipanti. L’iniziativa ideata da padre Armando Pierucci e promossa dall’Associazione Premio Vallesina onlus coinvolge i giovani, dai 13 ai 21 anni, delle scuole di musica “G. B. Pergolesi” di Jesi, “Bettino Padovano” di Senigallia, dell’Accademia Musicale di Ancona, della Civica Scuola di Musica “Beniamino Gigli” di Recanati, della Scuola di Musica e Danza “Novo Sarajevo” di Sarajevo e dell’Istituto Magnificat di Gerusalemme. Nel periodo di permanenza a Maiolati Spontini i ragazzi provano le parti del concerto, appositamente composte dal maestro Stefano Campolucci che li dirige spiegando i passaggi in lingua inglese.

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Nel programma delle giornate si alternano le prove in teatro con escursioni guidate. La manifestazione, complessa anche per le difficoltà di comprensione a causa della lingua, è seguita dal segretario generale del Premio Vallesina onlus, Nicola Di Francesco. I ragazzi di Gerusalemme si esprimono in arabo tra di loro e parlano in inglese con gli altri colleghi italiani e con le musiciste di Sarajevo.

Quattro concerti nelle Marche

L’orchestra si esibirà a Pesaro, presso la chiesa monumentale di San Giovanni Battista, la sera del 29 agosto accolti da padre Aldo Marinelli e dalla comunità francescana; a Recanati, nell’aula magna del Palazzo Comunale il 30 agosto alle 21; a Fabriano, nella chiesa di San Nicolò il 31 agosto alle 21 dove ascolteranno una introduzione sulla presenza francescana nelle Marche e a Loreto, nella Basilica della Santa Casa, il primo settembre alle 16. Dal 2 al 7 settembre saranno in Bosnia-Erzegovina per la seconda parte del progetto che la collaborazione dell’Ambasciata Italiana a Sarajevo.

La proposta musicale

Lo scorso anno i giovani provenienti dalle Marche, da Gerusalemme e da Sarajevo si erano incontrati per la prima volta e il maestro Stefano Campolucci, musicista e docente all’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” di Moie di Maiolati Spontini, aveva scelto di proporre un programma che potesse consentire una veloce integrazione dei giovani strumentisti in occasione del progetto Magnificat. Molti di loro inoltre per la prima volta si trovavano a suonare nel contesto di un’orchestra, con tutte le problematiche che è facile immaginare in situazioni simili. «Quest’anno, dopo la positiva esperienza dello scorso anno, che ha visto i ragazzi migliorare considerevolmente il proprio livello prova dopo prova – spiega il maestro Campolucci – abbiamo voluto affrontare anche brani tecnicamente più impegnativi. Il programma di quest’anno infatti lambisce più da vicino la letteratura musicale del ‘900 con la presenza di autori come Sibelius, Piazzolla. Inoltre abbiamo voluto inserire anche una significativa presenza del repertorio operistico. Da un punto di vista musicale ciò rappresenta una considerevole amplificazione delle problematiche d’assieme ma siamo sicuri che ciò avrà una ricaduta altamente significativa sul piano formativo in giovani che, per la prima volta, potranno confrontarsi anche con il repertorio del melodramma. Un’ultima annotazione va fatta riguardo all’inserimento di brani che rappresentano l’espressione delle differenti matrici culturali presenti nel progetto. Saranno infatti inseriti i brani “Emina” della cultura bosniaca, “The path of peace” proveniente da Gerusalemme e un’aria di Spontini che rappresenterà la nostra terra».

 

Le collaborazioni

La manifestazione si svolge in collaborazione con la Diocesi di Jesi ed ha il patrocinio di numerosi enti ed istituzioni: regione Marche, Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Senigallia, Provincia di Ancona, Provincia di Macerata, comuni di Fabriano, Pesaro e Recanati, Centro di Iniziative Culturali San Giovanni Battista dei Frati Minori di Pesaro, parrocchie di Maiolati Spontini, Moie e Belvedere Ostrense.

 

Jesi, 27 agosto 2013

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>