Soste proibite: se adesso ci si mettono pure i tedeschi…

di 

29 agosto 2013

PESARO – Se ci si mettono pure i… tedeschi, la vita dei ciclisti, ma anche dei pedoni, diventa un’inferno. Sarà forse l’aria, che una volta passato il Brennero cambia completamente, sarà l’esempio offerto da noi italiani, che siamo sicuramente agli ultimi posti in Europa (ma non solo) per il rispetto del Codice della Strada.

L'auto tedesca in sosta in Viale Trieste

L’auto tedesca in sosta in Viale Trieste

Fatto sta che in mattinata i ciclisti che pedalavano lungo la ciclabile di Viale Trieste, arrivati all’altezza della Palla di Pomodoro, hanno notato un’auto parcheggiata così male che hanno stentato a credere potesse trattarsi di un tedesco. La targa, però, era inequivocabile. L’automobilista è arrivato e si è fermato un po’ sulle strisce pedonali, molto sulla ciclabile e si è diretto al vicino ufficio turistico. Forse aveva bisogno di ricevere informazioni, ma difficilmente a casa sua avrebbe fatto una simile sosta. “Tanto siamo in Italia” deve avere pensato. Già.

2 Commenti to “Soste proibite: se adesso ci si mettono pure i tedeschi…”

  1. luca scrive:

    Potrebbe essere il solito italiano con l’auto tedesca per pagare meno tasse?! A pesaro se ne vedeno tante anche in inverno…

  2. mrMe scrive:

    infatti, qualche meridionale che tornava a casa. comunque tedesco o nostrano non cambia. va’ multato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>