Appuntamento con il pacifista Turi Vaccaro, l’uomo dei boschi

di 

30 agosto 2013

FANO – Sabato 31 agosto alle ore 17:30 presso la Spiaggia dei Talenti (a Nord dell’Arzilla) si terrà un incontro pubblico con TURI VACCARO, l’uomo dei boschi, pacifista non violento autore di numerose iniziative non violente contro gli armamenti nucleari, la TAV, il MUOS di Niscemi.

 

Turi Vaccaro, immagine tratta dal Web

Turi Vaccaro, immagine tratta dal Web

Turi Vaccaro, nato in Sicilia 52 anni fa da mamma michelina e papa’ vincenzo, proveniente da una famiglia numerosa e povera, era emigrato a Torino e, mentre studiava filosofia all’università coltivando la sua vena poetica, lavorava alla Fiat come operaio specializzato in motoristica. Turi è stato anche uno dei primi obiettori alla produzione bellica: accortosi che il suo lavoro doveva servire ad assemblare componenti di un sistema di trasporto militare, ha preferito il licenziamento alla complicità nella predisposizione di strumenti di morte.

Nel 1981, si reca a Comiso incontrando l’amicizia dei tanti pacifisti arrivati nella cittadina siciliana per opporsi alla costruzione della base dei missili nucleari. Amicizie probabilmente in gran parte svanite col tempo. Egli accompagnava all’epoca il monaco buddhista Morishita nei suoi giri di preghiera e lo ha aiutato ad edificare la “pagoda della Pace”, un edificio di culto di tutto rispetto, che ancora svetta su una collina ai cui piedi sorge Comiso.

Come Francesco d’Assisi, autore del cantico delle creature, Turi crede che noi siamo i custodi, non i padroni della Natura, per conto di Dio: il vero peccato mortale sarebbe distruggere in un pomeriggio quell’equilibrio ecologico che il Creatore ha messo insieme in quattro miliardi e mezzo di anni.

 

Lo stile di vita è sobrio, essenziale, più che spartano: basti pensare che nella casa della sua compagna Emmie, a Rotterdam, lui ad es. non dorme in camera da letto, ma fuori, in giardino, su un’amaca, anche quando la temperatura segna i 20 gradi sottozero!

 

Non a caso il martello con cui ha fracassato i PC degli F16 di Wonsdrecht Turi lo ha comprato simbolicamente proprio ad Assisi: fa parte del movimento dei “Plougshares”, animato da molte suore americane sabotatrici di missili.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>