Arriva da Bolzano il ponte bailey sul Cesano, Ricci e Galuzzi: “Un esempio di buona politica e collaborazione istituzionale”

di 

30 agosto 2013

MONDAVIO – Alla presenza del presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Matteo Ricci, del commissario straordinario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, dell’assessore alle Opere pubbliche della Provincia di Pesaro e Urbino Massimo Galuzzi e dei sindaci di Corinaldo Matteo Principi e di Mondavio Federico Talè è stato posizionato stamattina il ponte bailey sul Cesano, tra Mondavio e Corinaldo, messo a disposizione dalla Provincia di Bolzano in sostituzione del ponte crollato con le piene dell’alluvione.

 

Posizionamento_ponte_bailey

Posizionamento_ponte_bailey

“E’ un esempio di buona politica e di collaborazione istituzionale – evidenziano il presidente della Provincia Matteo Ricci e l’assessore provinciale alle Opere pubbliche Massimo Galuzzi –. Ci eravamo impegnati, insieme alla Provincia di Ancona e ai Comuni di Corinaldo e Mondavio, a risolvere il problema del collegamento entro l’estate e così è stato, grazie alla generosità della Provincia di Bolzano e al gioco di squadra tra tutti. I Comuni di Corinaldo e Mondavio, due dei borghi più belli d’Italia, non saranno più isolati e questa è stata una risposta concreta all’emergenza maltempo”.

 

Gli interventi strutturali, partiti da un mese, hanno interessato la realizzazione delle spalle del ponte provvisorio, l’alveo fluviale in concomitanza dell’infrastruttura e l’innalzamento dell’arteria stradale. L’impegno finanziario complessivo, di 450mila euro, vede la collaborazione della Regione Marche, delle Province di Pesaro – Urbino ed Ancona e dei Comuni di Mondavio e Corinaldo.

 

“A metà settembre – dicono ancora Ricci e Galuzzi – verrà aperto il ponte alla viabilità, alla presenza del presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca e in quell’occasione saremo più precisi sulla tempistica della costruzione del ponte definitivo, che resta l’obiettivo comune. Ringraziamo di cuore l’ingegner Enrico Croce della Provincia di Bolzano, l’ingegner Alberto Paccapelo e tutta la struttura della nostra Provincia che ha organizzato e seguito i lavori insieme alla ditta ‘Costruzioni Nasoni’ che li ha realizzati”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>