Montefeltro, nasce il distretto culturale evoluto del territorio-impresa. Un’utopia? Forse, ma costruttiva

di 

4 settembre 2013

URBINO – Un territorio ricco di storia, cultura ed eno-gastronomia come il Montefeltro ha la necessità di un piano promozionale per farlo crescere, conoscere e valorizzare. Il distretto culturale evoluto che dal 2009 studia azioni e progetti per farlo decollare a pieno e che funga da motore teainante per un’intera provincia ma anche per l’intera Nazione.

Creare strumenti per giovani creativi e volenterosi (visti anche i disastrosi dati sull’occupazione giovanile), cominciando proprio dalla maestosa struttura del Parco Ducale di Urbania che prevede la creazione di un bar, di un ristorante (entrambi con prodotti tipici biologici e km zero), un’aerea convegni e la sede operativa del distretto.

Un momento della conferenza di presentazione

Un momento della conferenza di presentazione

Presentato in una conferenza stampa a Palazzo Borghi in Urbino, il distretto che coinvolge un territorio di 100.995 abitanti prevederà anche un’eccellente preparazione di quelli che saranno gli operatori. Come spiega la Professoressa Lella Mazzoli, direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione dell’Ateneo Urbinate: “Inizieremo con dei workshop diretti da noi che avranno come temi centrali tutte quelle attività per rilanciare un territorio, un territorio-impresa poco conosciuta in rete. Management, marketing, pubbliche relazioni, social networking, come gestire un sito ma sopprattutto un blog. Un progetto utopico, ma chi mi conosce sa che per me l’utopia è una cosa realizzabile, un’utopia costruttiva. Mi piacerebbe creare anche la Marca Montefeltro”.

Presente anche il presidente della Comunità Montana dell’Alto e Medio Metauro, Alceo Serafini, ente capofila che dice:”Ci siamo già accordati con il Comune di Urbania per la gestione del Barco e con Marche Multiservizi per creare un’arredamento con materiali riciclati. Visitate il sito, attivo da circa un mese, dove abbiamo coniugato desing e contenuti, www.urbinoeilmontefeltro.eu dove troverete moltissimo materiale”.

L’intento del progetto è quello di accedere a finanziamenti europeri e creare StartUp per i giovani.

Presenti alla conferenza stampa anche il vicepresidente dell Provincia di Pesaro e Urbino, Davide Rossi, nonchè assessore alla cultura che sostiene appieno questa iniziativa e Giorgio Mangani di Camerà Work, incaricata di eseguire un mappatura di tutto il Montefeltro, dove sono coinvolte 4 Comunità Montane (Alto e Medio Metauro, Catria e Montenerone, Montefeltro e Valmarecchia), 2 province (Pesaro e Urbino e Rimini). La mappatura prenderà in esame le attivita economiche, imprenditoriali e culturale dell’intero distretto.

Il Distretto Culturale Evoluto del Montefeltro si basa sul modello economico scientifico tearizzato dal Professor Gallo che ha come perno trainante proprio la cultura.

Su questo Davide Rossi spiega: “Il Montefeltro assieme ad Ascoli Piceno sono stati i primi due territori individuati e favorevoli per trasformarli in distretti culturali”.

 

Tags:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>