Cold case a 4 zampe: volevano fare l’esame del Dna a un gatto per risalire ai padroni e denunciarli

di 

5 settembre 2013

PESARO – Si può fare l’esame del dna a una gatta? L’idea era quella, per capire chi potesse essere il genitore (e quindi i padroni) di alcuni gattini abbandonati.  Un gruppo di volontari delle associazioni animaliste – come riporta oggi il Carlino – considerate guardie ecologiche e dunque con funzioni di polizia giudiziaria, ha rivolto nelle settimane scorse questa richiesta alla procura della Repubblica per avere il via libera con l’operazione Dna.

Gatti e padroni nel mirino. Foto tratta da Web

Gatti e padroni nel mirino. Foto tratta da Web

La magistratura li ha bloccati giudicando questa idea insussistente su tutta la linea. I costi, peraltro, sarebbero stati rilevanti con l’incarico a di veterinari sia privati che dell’Asur per affrontare l’incombenza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>