Mezza Maratona, grande cuore: il ricavato donato all’Aido

di 

5 settembre 2013

PESARO – L’avevano promesso, è così è stato. Gli organizzatori della 7° edizione de “La Panoramica. Trofeo Aido” ( la Mezza maratona non competitiva organizzata dall’Atletica Banca di Pesaro e dal Circolo Tennis in collaborazione con l’Ente Parco San Bartolo e Aido) hanno versato il ricavato dell’iniziativa (al netto delle spese organizzative) all’ Associazione Italiana Donatori Organi, a sostegno della nobile attività.

 

Promessa mantenuta. Mezza Maratona "La Panoramica", incasso donato all'Aido

Promessa mantenuta. Mezza Maratona “La Panoramica”, incasso donato all’Aido

“La nostra società – spiega lo storico podista Stefano Stramigioli – facendo fede al motto “In Panoramica tu puoi ridare la vita” organizza da anni questa manifestazione senza scopo di lucro, e siamo ben lieti di donare oggi questo assegno all’Aido”. L’iniziativa si è progressivamente affermata nel mondo del podismo grazie anche alla capacità degli organizzatori di proporre inesplorate novità come la “run bike”, coniugando una giornata di sport con la scoperta e la valorizzazione dell’incantevole paesaggio del Parco.

 

“San Bartolo e sport sono un binomio vincente – afferma il presidente del Parco Domenico Balducci -. Siamo ben lieti di promuovere eventi che coniughino lo sport e il benessere con la sostenibilità ambientale e la solidarietà: come abbiamo fatto anche in occasione del 1 maggio per Telethon. Sono appuntamenti che valorizzano turisticamente il Parco, proponendo esempi di fruizione responsabile. E chi partecipa si sente parte di un progetto condiviso”.

 

“La gara fatta in uno scenario suggestivo quale quello del Parco San Bartolo – precisa il presidente dell’Aido provinciale Gabriele Riciputi – ha un grande valore per la nostra associazione, che tra le sue mission, oltre alla promozione della donazione, ha la sensibilizzazione a stili di vita che mantengano il corpo efficiente: come la corsa, l’aria aperta e la rivelazione del Parco. Non è rilevante l’importo della donazione, per la nostra associazione è comunque un aiuto importante, visto che possiamo svolgere la nostra attività solo grazie a contributi di volontari e benefattori, non avendo contributi istituzionali”.

L’appuntamento sportivo ha inoltre il merito di aver fatto riscoprire ai tanti partecipanti il parco ed allo stesso tempo il valore della donazione. “AIDO invece – precisa Riciputi – ha scoperto questa nuova sinergia con l’Ente Parco, grazie alla sensibilità del suo presidente Domenico Balducci, e confidiamo che possa estendersi anche alle altre iniziative>.

Nella nostra provincia la donazione di organi sta avendo buoni risultati, sia come numero di donazioni che come iscrizioni all’AIDO. Molte adesioni, per altro, arrivano dai giovani, il che dimostra che l’azione di sensibilizzazione giocata dall’associazione in ambito sportivo, nelle scuole e negli oratori, sta avendo un esito positivo. “Sono circa 10.000 gli ammalati in lista di attesa – conclude Riciputi – ed ogni anno si compiono circa 3.300 trapianti, ma non sono sufficienti a soddisfare le necessità immediate, molti pazienti non avranno il sospirato dono di una nuova vita, ma un esito funesto. Per questo qualsiasi iniziativa atta a sensibilizzare su questo importante e delicato argomento è colta con entusiasmo, e non ci stancheremo mai di chiedere la collaborazione di chiunque”. Il 5 e 6 ottobre prossimi anche a Pesaro ci saranno le giornate dell’AIDO e i volontari saranno nelle piazze e davanti alle chiese a fare informazione e raccolta fondi offrendo le piante di anthurium.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>