I giovani dell’Udc e Mancinelli: “Invochiamo la pace in Siria con Papa Francesco”

di 

6 settembre 2013

Dai Giovani dell’Udc riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato dal titolo eloquente: “INVOCHIAMO LA PACE IN SIRIA CON PAPA FRANCESCO”:

Partito il G20 a San Pietroburgo la conclusione è prevista per oggi, l’agenda contempla, oltre all’economia, argomento fondamentale vista la crisi economica che continua ad attanagliarci, la crisi siriana. E’ necessario trovare un punto d’incontro mediante il quale la questione si possa risolvere senza armi e spargimento di sangue, inutile peraltro, visto che a farne le spese sono sempre i civili. Le guerre del passato dovrebbero essere un esempio per i potenti di oggi, uccidere, distruggere per poi, una volta ritornati alla pace, onorare le vittime e ricostruire partendo dalle macerie non ha senso se tutto questo si può evitare. Onoriamo la VITA, onoriamo la PACE, onoriamo il DIALOGO.   Papa Francesco, in una lettera al presidente russo, constata che troppi interessi di parte hanno impedito di fermare l’inutile massacro del conflitto in Siria e auspica, come tutti noi del resto, in un buon esito dei lavori di questo G20.

Giovani Udc

 

Anche Franco Mancinelli si unisce:

La storia e la memoria recente insegnano che la guerra e la violenza non hanno mai gli esiti che ci si prefigge, anche quando si ricorre ad esse per mantenere l’ordine o per far rispettare accordi riconosciuti dalla comunità internazionale. Per questo aderisco all’appello del Papa e penso che vada senz’altro accolto al di là di ogni appartenenza politica o religiosa e che sia ora di iniziare a pensare il futuro come convivenza diversa in cui ogni ricorso alla violenza sia definitivamente abolito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>