Mamma morta dopo una operazione al trigemino al S.Salvatore: decesso per una malattia congenita

di 

6 settembre 2013

PESARO – Aveva solo 38 anni, Nadia Bolletta, mamma di Cingoli, morta ieri in ospedale a Pesaro per una ischemia poche ore dopo essersi sottoposta ad intervento chirurgico al trigemino, i nervi del viso. La causa del decesso? Non riconducibile all’operazione ma di origine congenita. Lo svela lo stesso primario, il dottor Letterio Morabito, che ha eseguito l’intervento: «La malattia congenita di cui era affetta la paziente lascia speranze di vita fino ai 30 anni – ha spiegato il primario, Letterio Morabito – La signora e i suoi familiari erano a perfetta conoscenza di tutto questo ma hanno voluto insistentemente procedere con l’intervento perché il dolore fisico non era più sostenibile. Non riusciva più a dormire, a masticare, a parlare. L’intervento si era concluso perfettamente”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>