La Tua Fano: “Burocrazia zero, ora si può!”

di 

10 settembre 2013

Dalla segreteria della Tua Fano, riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato:

La segreteria de La Tua Fano

La segreteria de La Tua Fano

FANO – Il “Decreto del Fare”, recentemente convertito in Legge, contiene una disposizione che dà agli Enti Locali la possibilità di individuare “ZONE A BUROCRAZIA ZERO”, tra quelle non soggette a vincolo paesaggistico-territoriale o del patrimonio storico-artistico.

Con apposite convenzioni possono essere attivati percorsi sperimentali di semplificazione amministrativa per gli impianti produttivi, per l’avvio e l’esercizio delle attività delle imprese sul territorio, sostituendo il rilascio delle autorizzazioni con una mera comunicazione dell’interessato.

La Lista Civica “La Tua Fano” ritiene di primario interesse che le imprese del territorio fanese, particolarmente in questo periodo di crisi, possano essere messe nelle condizioni di lavorare nel modo più snello e agevole possibile, sempre nel rispetto delle leggi, per garantire la loro sopravvivenza e competitività, oltre che ovviamente occupazione (e stipendi) ai propri dipendenti.

Le suddette convenzioni vanno stipulate tra le Regioni, le Camere di Commercio, i Comuni, le altre Amministrazioni competenti e le associazioni di categoria interessate. Pertanto abbiamo intenzione di mettere intorno a un tavolo tutti questi soggetti quanto prima, al fine di individuare un percorso condiviso e trasparente per facilitare la vita alle imprese allentando i vincoli della burocrazia, che invece spesso e volentieri rappresenta un grande ostacolo per chi, nonostante la crisi, vuole ancora investire e mettersi in gioco. Un percorso che sarà un punto fondamentale del nostro programma elettorale in vista delle Amministrative del 2014.

La politica, oggi, ha un’arma in più per fronteggiare la crisi creando condizioni favorevoli per l’attività delle imprese e conseguentemente per garantire lavoro ai cittadini; la Lista Civica “La Tua Fano” non vuole perdere tempo ma anzi cogliere al volo l’occasione che ci viene data da questa nuova normativa perché la crisi non aspetta, anzi ha già mietuto troppe vittime.

Anche in questo vogliamo fare la differenza: chi vuole reinventarsi un mestiere, i nostri imprenditori, i nostri giovani, aspettano che qualcuno allenti la morsa della burocrazia per dargli modo di esprimere la propria creatività e intraprendenza; e noi vogliamo essere gli interlocutori giusti per metterli nelle condizioni di poterlo fare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>