Pescatori fanesi protestano in Regione: “Liberate dai fanghi l’imbocco del porto”. La risposta di Solazzi

di 

10 settembre 2013

ANCONA – Pescatori fanesi protestano ad Ancona, davanti al palazzo della Regione. Un gesto per chiedere un intervento immediato per liberare dai fanghi l’imbocco del porto alla vigilia del 15 settembre, giorno che segna la fine del fermo pesca.

La risposta di Vittoriano Solazzi, il presidente del Consiglio regionale che ha ricevuto una delegazione della marineria di Fano: “Per il dragaggio del porto di Fano occorre stabilire un percorso serio, con una tempistica rigorosa”.ù

La protesta dei pescatori fanesi in Regione ad Ancona

La protesta dei pescatori fanesi in Regione ad Ancona

“Speriamo di non dover aspettare altri venti anni per vedere il dragaggio del porto e speriamo di non dover tornare ogni settimana in Consiglio regionale per far valere i nostri diritti come imprenditori, lavoratori e cittadini”. E’ il commento di Marco Pezzolesi, direttore della Coomarpesca di Fano (Pu), che, insieme ad un folto gruppo di soci pescatori e dipendenti della cooperativa, accompagnati da Simone Cecchettini, responsabile regionale Lega Pesca Marche, e Angelo Nardini, direttore del Mercato ittico fanese, ha manifestato oggi davanti la sede del Consiglio regionale, ad Ancona, per chiedere che vengano fatti i lavori di dragaggio nel porto fanese. “Come cooperativa di pesca – aggiunge Pezzolesi -, abbiamo bisogno di lavorare in sicurezza. E, soprattutto, abbiamo il diritto di portare avanti la nostra attività. Invece, alla vigilia della chiusura del fermo pesca biologico e dell’avvio della nuova stagione di pesca, ci ritroviamo ad avere un porto bloccato dai fanghi che non consentono il transito sicuro ai pescherecci”. La delegazione di pescatori fanesi è stata ricevuta dal presidente dell’Assemblea legislativa e dai capigruppo che si sono impegnati a far convocare, entro 48 ore, un incontro con l’assessore regionale ai Porti, Comune e Capitaneria di porto per procedere nell’iter dei lavori. “Ringraziamo il presidente Solazzi e i capigruppo per la disponibilità e l’attenzione che hanno dimostrato nell’incontro – commenta Pezzolesi –, attendiamo fiduciosi, con lo stesso atteggiamento che abbiamo sempre avuto verso le istituzioni, perché il nostro obiettivo è andare avanti nel nostro lavoro. Siamo, però, pronti a qualsiasi altra iniziativa per tutelare il diritto a compiere la nostra attività e quello dei nostri lavoratori ad avere un’occupazione”.

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>