Inaugurato il ponte provvisorio sul fiume Cesano, il presidente Spacca: entro il 2015 la nuova struttura permanente

di 

14 settembre 2013

MONDAVIO – Inaugurato oggi il ponte provvisorio sul fiume Cesano, struttura al confine tra le province di Ancona e Pesaro Urbino nei Comuni di Corinaldo e Mondavio. Grande partecipazione al taglio del nastro, cui hanno preso parte il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, il presidente dell’Assemblea legislativa Vittoriano Solazzi, il commissario della Provincia di Ancona, Patrizia Casagrande, il presidente della Provincia di Pesaro Matteo Ricci, il sindaco di Corinaldo Matteo Principi, il collega di Mondavio Federico Talè, il capo della Protezione civile delle Marche, Roberto Oreficini.

Il momento del taglio del nastro

Il momento del taglio del nastro

Le opere necessarie per il posizionamento del ponte Bailey, ceduto temporaneamente e gratuitamente dalla Provincia Autonoma di Bolzano, hanno determinato una spesa di 460mila euro di cui 80 della Regione Marche. “Inauguriamo oggi – ha detto Spacca – un’opera importantissima per questo territorio, per i suoi cittadini, per le imprese e per la forte vocazione turistica dei due Comuni interessati. Dopo il crollo del ponte nel 2011 e il cedimento del guado provvisorio successivamente installato nel 2012, tutte le istituzioni, insieme, hanno lavorato intensamente per avere questa infrastruttura. La Regione ha operato con una doppia strategia, una per la realizzazione di una soluzione provvisoria, l’altra per l’intervento definitivo. Oggi salutiamo il completamento e l’apertura della prima. L’impegno per il nuovo ponte definitivo è stato ed è molto forte e nonostante il momento difficile, grazie alla Protezione civile e ai fondi per la calamità che ha colpito questo territorio nel novembre 2012, sono stati reperiti 2 milioni di euro che la Regione mette a disposizione per quest’opera. Un soggetto privato finanzierà la quota mancante, potendo realizzare un impianto per la produzione dell’energia idroelettrica. I tempi? Prevediamo la conclusione dei lavori nel 2015”.

Spacca ha infine sottolineato come il risultato di oggi e quello per la soluzione definitiva siano stati possibili grazie al lavoro di squadra tra tutte le istituzioni coinvolte, con il fondamentale contributo della Protezione civile regionale e con il supporto della Provincia di Bolzano.

 

 

SCHEDA

Nel gennaio 2011 a seguito di una imponente piena dovuta a piogge intense si è verificato il crollo del ponte sul fiume Cesano in corrispondenza delle SP 13 in Provincia di Pesaro Urbino e della SP 17 dell’Acquasanta in Provincia di Ancona, causando l’interruzione della viabilità, notevoli disagi alla popolazione locale oltre che per i collegamenti per l’emergenza e il soccorso.

Al fine di ripristinare il collegamento, nel 2012 è stato realizzato un guado provvisorio in prossimità del ponte crollato, rimasto in opera solo per alcuni mesi, per poi essere travolto da una successiva piena.

Nel frattempo il Servizio Progettazione OOPP della Provincia di Pesaro-Urbino ha redatto il progetto definitivo di ricostruzione del nuovo ponte, al posto di quello crollato, non realizzato per mancanza di finanziamenti.

Su attivazione della Protezione civile regionale e con il concorde parere delle amministrazioni interessate (Comuni di Corinaldo e Mondavio, Province di Ancona e Pesaro-Urbino), il presidente Spacca ha chiesto ed ottenuto dal presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Luis Durnwalder la cessione temporanea di un Ponte Bailey per la realizzazione di un attraversamento provvisorio per garantire il collegamento tra le due sponde fino alla definitiva ricostruzione di quello crollato.

La conferenza unificata dei servizi del febbraio 2013 ha espresso i pareri favorevoli di tutti i soggetti competenti. Il progetto definitivo per la realizzazione dell’attraversamento provvisorio con le relative autorizzazioni e determinazioni è stato approvato il 21 marzo 2013. Importo complessivo 460 mila euro (80 dei quali della Regione Marche).

A partire da questa data è iniziato l’iter per la realizzazione dell’opera concernente: la gara d’appalto, l’affidamento dell’incarico, la realizzazione degli interventi e la predisposizione delle opere preliminari all’infrastruttura metallica, il posizionamento della struttura del ponte Bailey avvenuta il 29 agosto fino ad arrivare a oggi con la riapertura definitiva dell’attraversamento a senso unico alternato, per consentire il passaggio anche ai mezzi pesanti autocarri ed autoarticolati

L’iter complessivo per la realizzazione dell’opera ha richiesto poco più di sei mesi.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>