Aggredito a sprangate dentro casa da tre ladri

di 

16 settembre 2013

FANO – Ha ancora i segni delle sprangate sulla schiena l’operaio di Fano che, l’altra sera, erano le 21, è stato aggredito da tre ladri all’interno della sua abitazione di via Veneto, zona ospedale. Aveva sentito dei rumori e, trovatosi di fronte a due  ladri, ha provato ad aggredirli. Il terzo complice, però, con una spranga è intervenuto da dietro colpendolo ripetutamente alla schiena. Non c’è più orario (sabato sera alle 21), non c’è più quartiere (è una zona residenziale ma è a due passi dai carabinieri ed è in una zona centralissima di Fano, non periferica), non c’è più paura di niente (vedi l’aggressione). La banda era formata da 4 uomini: l’ultimo faceva il palo, sotto casa. Sono scesi senza refurtiva da dove erano saliti: il terrazzo, a circa 3 metri d’altezza. “Erano scuri in faccia, forse rom o marocchini – ha spiegato al Carlino l’operaio -. Io ieri sera erano una maschera di sangue”. La prognosi è di 20 giorni, per smaltire la rabbia ci vorrà di più. Indagano i carabinieri.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>