Nati per Leggere: a Urbino un altro passo avanti

di 

20 settembre 2013

URBINO – Mercoledì 18 settembre all’ospedale di Urbino si è tenuta un’importante riunione per lo sviluppo nel territorio del progetto Nati per Leggere. L’obiettivo di questo  progetto nazionale e provinciale è quello di sensibilizzare i genitori sull’importanza della lettura ad alta voce ai propri figli nella fascia di età 0-6 anni, attività che contribuisce in modo efficace ad una migliore crescita emotiva e cognitiva del bambino e ad un rafforzamento del legame affettivo tra genitori/figli.

L’incontro ha rappresentato un ulteriore importante passo per lo sviluppo nel territorio di un’alleanza tra medici, pediatri, bibliotecari, insegnanti e amministrazioni locali impegnati nel medesimo obiettivo. Ai medici e ai pediatri spetta il compito di illustrare i benefici della lettura, ai bibliotecari quello di consigliare nella scelta e prestare gratuitamente tanti libri da leggere a casa, agli insegnanti quello di mostrare alle famiglie le buone pratiche alla lettura che già si svolgono nelle scuole e agli enti locali il coordinamento, la progettazione e il finanziamento delle varie attività. Erano presenti all’incontro il coordinatore del progetto a livello provinciale della Provincia di Pesaro e Urbino, il direttore medico dell’Area Vasta 1, numerosi primari e medici dei vari reparti dell’ospedale (pediatria, ginecologia, ostetricia, logopedia, psicologia, pronto soccorso) e del distretto sanitario,  la responsabile dei servizi educativi del Comune di Urbino e  le bibliotecarie del Sistema Alto Metauro (di cui fa parte anche la sala lettura comunale Lilliput di Urbino) il cui ente capofila è la Comunità Montana di Urbania. Sono già molti anni che la Comunità Montana Alto e Medio Metauro, in sinergia con la Provincia, opera per la diffusione nel proprio territorio del progetto NpL attraverso la realizzazione di  spazi 0-6 anni nelle biblioteche, l’ideazione di progetti lettura rivolti ai nidi e alle scuole dell’infanzia, i corsi di aggiornamento per insegnanti ed educatori, i corsi per lettori volontari e la collaborazione con i pediatri di base e i centri di vaccinazione. L’incontro all’ospedale è stato un momento di condivisione per implementare la diffusione dell’informativa del progetto, in parte già avviata, e per l’avvio di nuove iniziative tra cui la sensibilizzazione delle future mamme nei corsi pre-parto e l’utilizzo di lettori volontari in alcuni reparti; entrambe le attività coinvolgeranno in prima linea le bibliotecarie del Sistema Bibliotecario Alto Metauro. In questo modo anche il territorio della Comunità Montana dell’Alto e Medio Metauro darà il suo contributo al potenziamento complessivo del progetto di rete provinciale, che coinvolge ben 38 Comuni singoli o associati, le 3 Comunità montane, l’Asur Marche Area Vasta n.1, la Federazione Italiana Medici Pediatri e l’Azienda Ospedaliera Marche Nord, con il coordinamento della Provincia di Pesaro e Urbino – Rete dei Servizi Bibliotecari. Il Progetto è realizzato con l’intento di coinvolgere più soggetti possibili al fine di favorire la crescita dei futuri cittadini e delle loro famiglie.

INFO
Sistema Bibliotecario della Comunità Montana dell’Alto e Medio Metauro
tel. 0722/313014-313013-313012
e-mail: sistemabibliotecario@cmurbania.ps.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>