L’8 dicembre primarie Pd, Ricci: “Poteva andare peggio, è un buon accordo”

di 

21 settembre 2013

PESARO – “Quello su data e regole del congresso del Pd mi sembra un buon accordo. Poteva andare meglio, ma, viste le premesse, poteva andare anche molto molto peggio”. Lo ha detto all’Ansa il presidente della Provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci che poi ha concluso con un eloquente: “Adesso avanti tutta, dobbiamo cambiare il Pd per cambiare l’Italia”. L’Assemblea del Pd, infatti, ha approvato nella notte (378 sì, 74 no e 24 astenuti) le nuove regole proposte dalla commissione per il congresso e contenute in un documento in forma di raccomandazioni. La novità: salta l’automatismo tra segretario e candidato premier del partito. L’8 dicembre si terrano le primarie per eleggere il segretario, il 27 settembre la direzione nazionale che approva il regolamento e l’11 ottobre il termine per presentare le candidature. Nel regolamento è previsto anche che il candidato alla presidenza del Consiglio sia scelto attraverso primarie di partito o di coalizione alle quali possano essere candidati, oltre al segretario, anche altri iscritti al Pd. Si pagheranno due euro per votare alle primarie nazionali per il segretario del Pd.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>