Memorial Terenzi: la Vuelle manca il tap-in della vittoria e si arrende alla Sutor dopo un tempo supplementare

di 

26 settembre 2013

VICTORIA LIBERTAS PESARO – SUTOR MONTEGRANARO 83-100 (78-78)
VICTORIA LIBERTAS: Musso 12, Bartolucci 2, Ruini 3, Pecile 12, Young 2, Trasolini 8, Amici 5, Anosike 20, Tourè ne, Turner 19. All. Dell’Agnello
SUTOR: Cinciarini D. 24, Sakic 21, Mayo 24, Rossi, Perini, Lawers, Tessitore, Ricci ne, Lawers 9, Mazzola, Quaglia ne, Collins 11, Skeen 11. All. Recalcati
ARBITRI: Pazzaglia, Gasparri e Pierantozzi
PARZIALI: 14-20; 21-19; 21-20; 22-19; 5-22
NOTE: fallo antisportivo di Musso (23’17”: 40-47). Fallo tecnico a Collins (20′: 55-59). Usciti per 5 falli: Trasolini e Anosike

 

SENIGALLIA (Ancona) – La Vuelle si arrende solo dopo un tempo supplementare alla Sutor che si aggiudica il Memorial Rodolfo Terenzi sfruttando un overtime da record: 5-22. “Abbiamo sbagliato 14 tiri liberi, troppi – commenta a fine gara coach Dell’Agnello – Comunque soddisfatto per avere tenuto testa a Montegranaro pur senza tre giocatori: Tourè o Hamilton, Traini e Amici che si è chiamato fuori da solo”.

Un bel tap-in di Trasolini apre l’attacco pesarese. L’offensiva si inceppa con tre perse consecutive (piede fuori, due infrazioni di passi; la seconda mentre l’italo-canadese va a schiacciare), che riportano in panca Trasolini. E la Sutor sale a più 9 (4-13). Due liberi (su 4) di Trasolini tengono a galla la Vuelle che torna segnare su azione con Anosike (assist di Amici, che poi realizza un grande canestro in entrata). Una tripla di Lawers, in prova a Montegranaro, fissa il massimo vantaggio Sutor (9-20). La replica, altrettanto pesante, è di Musso.

Prova a ripartire la VL, ma quando Musso fallisce da sotto scatenando il contropiede Sutor, sono ancora 8 le lunghezze che separano le squadre: 16-24. Otto sono anche i punti di Trasolini (che non segna più tartassato dai falli) che corregge un tiro di Turner. Musso ha “huevos” e recupera subito l’errore con una tripla (22-24). Mayo è un’insidia nella difesa di Dell’Agnello. Turner esalta i pochi spettatori presenti inventando una parabola impossibile. Subito dopo difesa e contropiede e Anosike pareggia a 26. Mayo (tripla) spareggia e Dell’Agnello protesta per uno sfondamento inesistente di Anosike. Che subito dopo prende una pallonata da Musso che finta la tripla e serve un gran pallone… dentro. Cinciarini riporta la Sutor a più 6, Dell’Agnello ferma il gioco. Ma Sakic ha due liberi… che sfrutta a metà (26-33). La Sutor sale a più 7, Pesaro fallisce due tiri ma recupera i rimbalzi e Musso centra la terza tripla. Lo imita Turner, dopo un canestro di Cinciarini (34-37). A 24 secondi dal riposo vero, Amici in lunetta (mentre Bartolucci avvicenda Anosike) segna solo un libero. Collins fissa il parziale: 35-39.

Un paio di dubbie decisioni arbitrali (penalizzato Trasolini) unite a distrazioni biancorosse, condite da un fallo antisportivo di Musso, lanciano la Sutor: 40-49. Dell’Agnello richiama in panchina Amici, prendendolo a cattive parole. Il pesarese non rientrerà più sul parquet. La Vuelle si è smarrita e Mayo la spinge a meno 11 (40-51: 24′ e spiccioli). La rianima l’ennesima tripla di Musso, ma Skeen realizza e subisce fallo. Poi è Sakic a ristabilire il vantaggio in doppia cifra: 45-55. Un canestro in avvicinamento inventato da Turner accorcia il divario (49-55). Vuelle a zona 2-3, la Sutor gira bene palla, ma Sakic – servito in angolo – perde il controllo della sfera in versione saponetta. Un 4/4 dalla lunetta di Anosike (14 punti in 30 minuti) per il meno 4 (53-57). Pesaro potrebbe arrivare a meno due se sfruttasse entrambi i liberi regalati da un fallo tecnico a Collins, ma Turner ne getta al vento uno.

Si iscrive alla partita anche Ruini (tripla per il 59-61) e Dell’Agnello richiama Young (per Pecile). Il 16° punto di Anosike fissa il pari, ma Lawers si conferma gran tiratore dalla distanza. Anosike sale a 18, ma non capitalizza il libero aggiuntivo e la Vuelle resta a meno 1. Poi Dell’Agnello gli concede riposo e ripropone Trasolini. Anche Turner manca un libero, ma centra il secondo ed è ancora parità. Subito rotta dal solito Lawers (tripla e 64-67). Anche Mayo dalla grandissima distanza, elastico ancora verso Montegranaro. Pecile centra due liberi e torna in panca per Musso. Anosike fermato fallosamente, dopo che Lawers aveva commesso un evidente antisportivo non fischiato su Ruini. Anosike realizza ed esulta, convinto di avere subìto fallo. La “curva” occupata da alcuni tifosi della Vecchia Guardia esplode, ma Gasparri annulla per infrazione di passi dell’americano, che torna incredulo in difesa. Turner sbaglia ancora dalla linea (1/2), ma Pesaro è a un tiro. Quello di Pecile (in entrata): 72-72. Come non detto. Mayo (17) si prende un’altra tripla. Poi sbaglia la successiva. E Pecile lo punisce 76-75. Primo vantaggio biancorosso.

Dopo un errore, Collins recupera il rimbalzo e riporta avanti la Sutor. Mancano 73 secondi. Pecile forse passeggia. ma subisce fallo e realizza entrambi i liberi: 78-77. Cinciarini si incarta ma trova i piuedi avversari e una rimessa con 14 secondi a disposizione. A 28 secondi dalla fine, fallo di Turner su Collins: primo libero fuori, secondo a segno: 78 pari e time-out di Dell’Agnello. Turner sbaglia dalla distanza, Trasolini manca due tap-in, mentre Dell’Agnello e l’arbitro Pierantozzi si scontrano e finiscono a terra. Tempo supplementare.

Arbitri protagonisti: prima cancellano il canestro di Trasolini (5° fallo), poi puniscono le proteste della panchina pesarese. Mayo sfrutta dalla linea, Cinciarini segna dopo la rimessa in gioco: 78-82. Una tripla di Cinciarini fa pendere il Memorial Terenzi verso la Sutor: 79-85. Un’altra tripla di Mayo chiude la sfida: 81-91. Alla Vuelle, rimasta senza lunghi, mancano le forze e l’ossigeno, mentre Cinciarini imperversa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>