La VL cede ancora a Montegranaro che s’aggiudica il torneo di P.S. Elpidio. Eccellenti prove di Anosike e Trasolini

di 

29 settembre 2013

SUTOR – VUELLE 86 – 82

 

SUTOR: Cinciarini 23, Šakić 9, Mayo 13, Tessitore, Ricci ne, Lawers 2, Perini ne, Rossi ne, Mazzola 4, Quaglia, Collins 27, Skeen 8. All. Recalcati.

 

VUELLE: Musso 15, Bartolucci, Ruini 6, Panzieri ne, Young 9, Trasolini 17, Amici 6, Anosike 15, Hamilton 1, Turner 13. All. Dell’Agnello.

 

ARBITRI: Di Francesco, Calbucci e Borgioni.

 

PARZIALI: 30-22; 15-27; 15-14; 26-19.

 

PORTO SANT’ELPIDIO – Vince ancora la Sutor Montegranaro, che dopo avere conquistato il Memorial Rodolfo Terenzi fa suo (86-82) anche il Trofeo della Calzatura, superando la VL in un concitato finale. La squadra di Dell’Agnello cede negli ultimi due minuti, quando è obbligata al fallo sistematico nel tentativo di recuperare due punti di svantaggio.

 

Interessante avvio pesarese, con Trasolini (quarta tripla su 5 tentativi nelle due serate al palasport elpidiense) ispiratissimo dalla grande distanza, ma anche nella lotta ai rimbalzi (10). Ma dal più 5 iniziale al meno 8 è questione di pochi minuti. Montegranaro imperversa dalla corta e dalla lunga distanza. Così, con Cinciarini micidiale contro la “sua” squadra, la Sutor vola a più 11 (30-19), grazie al 4/56 nel tiro pesante.

 

La risposta pesarese nel secondo parziale è degna di una squadra di qualità e conferma tutto il bene speso negli ultimi dieci giorni. Con Anosike protagonista anche sotto i tabelloni (12 rimbalzi), i biancorossi ribaltano l’andamento del gioco e il risultato sul tavellone, andando al riposo avanti di 4 lunghezze: 45-49. Nel frattempo, la Sutor ha perso – per espulsione – coach Recalcati, autore di reiterate proteste, ma anche di un acceso diverbio con la panchina biancorossa.

 

Gli arbitri, protagonisti sgraditi anche nel terzo quarto, dispensano falli tecnici e antisportivi. La Sutor torna avanti, ma la gara è equilibrata, con le due squadre ora a inseguire ora a sorpassare. All’ultimo breve riposo, Vuelle di nuovo avanti: 60-63.

 

Spiace ripetersi, ma i protagonisti (in negativo) sono gli arbitri, che affibbiano un fallo tecnico a coach Dell’Agnello e uno a Musso. La Sutor ne approfitta per mettere a segno un micidiale break: 11-0, che fissa il risultato sul 71-63 interno. Dopo il time-out chiesto dall’allenatore livornese, la VL risponde con un break altrettanto pesante (tripla di Turner, canestri di Musso e Trasolini, che schiaccia) che porta il divario a meno 1 e riapre la finale del 4° Torneo della Calzatura. Come a Senigallia, mercoledì scorso, la sfida tra le due marchigiane di serie A, si decide in volata. Sull’80 pari, la VL fallisce l’attacco del sorpasso e ritorna sotto (Collins). Poi un paio di errori dei biancorossi e un fallo antisportivo di Amici, peraltro non punito dalla lunetta da Cinciarini, fanno pendere la bilancia dalla parte della Sutor.

 

“A Porto Sant’Elpidio – commenta il direttore sportivo Cioppi – la squadra ha sostenuto due allenamenti molto buoni, nei quali si è vista grande voglia di dimostrare le proprie qualità, ma anche un grande attaccamento alla maglia. C’è chi ha giocato pure soffrendo per un dolore a una caviglia, come Trasolini. Tutti hanno evidenziato un’encomiabile applicazione, un importante attaccamento alla maglia”. Per essere una squadra nuova, è già un aspetto importante, come abbiamo raccontato sabato sera nella cronaca della vittoriosa gara con la Sidigas Avellino.

 

Per quanto riguarda Hamilton, come è andata contro la Sutor?

 

“E’ ancora spaesato, ma ha disputato un solo vero allenamento. E comunque è inesperto, ma anche stasera ha mostrato grande esuberanza e ha fatto vedere sia un ottimo 1 contro 1 sia una buona elevazione. Ora deve integrarsi nel gruppo, capire i nuovi meccanismi e soprattuto il nuovo sistema di gioco” commenta ancora Cioppi.

 

Prossimo appuntamento agonistico della VL, venerdì, alle ore 19, a Porto San Giorgio, contro la Cremona. A seguire si affronteranno la Sutor Montegranaro e la Giorgio Tesi Group Pistoia

 

 

Nella finale per il terzo e quarto posto del Torneo di Porto Sant’Elpidio, la Granarolo Bologna ha travolto 89-67 (20-20; 22-11; 28-14; 19-22) la Sidigas Avellino peraltro priva, oltre dei soliti Laković e Richardson, anche di Ivanov. La Virtus ha tenuto a sedere Walsh, mettendo in evidenza ancora una volta l’ottimo Motum, a lungo inseguito durante l’estate anche dalla Vuelle, arresasi alla superiore offerta economica presentata dalle Vu nere al giocatore australiano.

 

I tabellini:

 

GRANAROLO: Gaddefors 13, Hardy 18, Motum 20, Imbrò 10, Fontecchio ne, Guazzaloca, Landi 7, Ware 12, Jordan 9, Bianconi, King, Walsh ne. All. Bechi.

 

SIDIGAS: Riccio 7, Thomas 20, Biligha 4, Spinelli 3, Ivanov ne, Ianuale ne, Dragović 9, Morgillo 2, Cavaliero 3, Haynes 8, Dean 11. All. Vitucci.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>