Con l’argento dell’Italvolley il dr Piero Benelli torna alla VL con un poker di medaglie

di 

30 settembre 2013

PESARO – Ancora una medaglia al collo, la quarta in due soli anni. Il dottor Piero Benelli, medico sportivo pesarese, responsabile sanitario della Victoria Libertas e dell’Italvolley maschile, torna a casa con l’argento europeo, che s’aggiunge all’argento europeo 2011, al bronzo olimpico di Londra 2012 e ancora al bronzo della World League 2013. In poco più di due anni, quattro medaglie. E tanto lavoro. Come sempre, più di sempre. I Campionati Europei conclusi domenica nello stadio di… calcio di Copenhagen, quello dove un paio di settimane la Juventus era stata costretta al pareggio, hanno sancito il trionfo della Russia, che Olimpiadi e World League le ha vinte (anche) grazie ai 2 metri e 18 centimetri di Dmitrij Muserskiy, un totem a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà. Basti ricordare la finale olimpica contro il Brasile, quando la Russia – sotto di due set – cambiò volto alla gara utilizzando da opposto il lunghissimo ucraino, naturalizzato russo. Durante la permanenza in Danimarca, il dottor Benelli ha dovuto seguire gli infortunati azzurri, in particolare Parodi e Savani, restituiti a Berruto nella fase finale.

 

Piero Benelli

Il dottor Piero Benelli

Per uno sportivo vero, prima ancora che medico sportivo, l’ennesima grande soddisfazione, in perfetta sintonia con i ct azzurri, da Anastasi a Berruto.

 

Quattro medaglie, un poker, con l’augurio che la cinquina arrivi con la medaglia più preziosa.

 

Ora il dottor Piero Benelli è atteso da coach Dell’Agnello e dai biancorossi della Vuelle, che ha già seguito durante un breve riposo dall’impegno con l’Italvolley. Nella speranza che la stagione del basket sia proficua. Certo, non si punterà allo scudetto, che Benelli ha vinto grazie alla Scavolini 1990, ma la salvezza è un grande obiettivo da perseguire con impegno, passione, abnegazione, sacrificio, altruismo, amore per la squadra. Ingredienti che fanno parte dell’Italia di Mauro Berruto. Complimenti!

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>