Dal tabellone al bancone: Flamini, un Tipo da Pub

di 

2 ottobre 2013

PESARO – Sicuramente è il Pub del momento, ve ne parliamo oggi con questa intervista esclusiva a Flamini, già capitano della VL, il più famoso dei tre soci che quasi un mese e mezzo fa hanno inaugurato in viale Trieste, direzione Porto, a pochi passi dalla Palla di Pomodoro, il loro e “nostro” bellissimo punto di ritrovo.

D. Come è nata l’idea di aprire questo locale?

Flamini al bancone

Flamini al bancone

R. Era da tempo che io, assieme a due altri miei amici, volevamo fare qualcosa del genere, solitamente la legge dei grandi numeri narra che non bisogna mai confondere o mischiare l’amicizia con il lavoro, ma abbiamo rotto questo tabù e abbiamo voluto con tutti noi stessi regalare alla città di Pesaro questa nuova alternativa, ovvero aprire una birreria vecchio stampo

D. Che tipo di impronta volevate dare al vostro locale prima di aprirlo?

R. Ci siamo ispirati allo stile anglosassone, e poi visto che siamo amanti del legno, abbiamo sviluppato tutto il locale con queste caratteristiche, siamo inoltre molto contenti e orgogliosi di aver realizzato il nostro bancone a 360 gradi, dove abbiamo ottimizzato gli spazi e fuso il legno con la ceramica, il banco infatti, è tutto di ceramica nera, mentre gli spillatori della birra sono di ceramica bianca

D. Una idea innovativa per Pesaro una birreria di questo genere…

R. Abbiamo rischiato, anche perché il nostro locale si vuole basare sulla sperimentazione delle birre che cambiamo spesso, ne abbiamo 8 alla spina, più una trentina in bottiglia, la base ovviamente rimane quella tedesca e il gusto sicuramente quello ceko.

 

D. Come mai la scelta di cambiare sempre le birre?

R. Perché vogliamo un locale che si basi sul dinamismo, ecco il motivo per cui, cambiamo spesso birre, poi ci piace dare sempre delle valide alternative ai nostri clienti. Spesso con loro si è creato un rapporto confidenziale, ci chiedono, visto che siamo i primi a provarle, dei consigli, e noi siamo felici di questo.

D. Al Tipo Pub, però, oltre bere si può anche mangiare?

R. Si abbiamo anche qui diverse soluzioni, quali panini sia di carne che di pesce, ma anche non di carne e di pesce, ovvero alle verdure, infatti, anche qui vogliamo offrire una valida scelta e un accostamento particolare per le nostre birre.

D. Da voi si possono vedere nei tre maxi schermi anche molte partite

R. Sì, come dicevo prima l’idea anglosassone vede i pub divenire anche sale dello sport; noi trasmettiamo sempre le partite di calcio di basket e di altri sport che hanno una rilevanza in quel momento, pensiamo, infatti, a questo locale come un grande punto di aggregazione

D. Che tipo di clientela frequenta il vostro locale?

R. Varia e questo ci fa un piacere immenso, si parte dalla famiglia, ai ragazzini, alle compagnie, alle coppie di tutte le età, e alla classica gente della notte, non abbiamo un target particolare e siamo felici di questo, non vogliamo infatti un target, il nostro format è la convivialità.

 

D. Infine, per l’inverno che sembra già in agguato alle porte?

R. Ci saranno tante novità come il sito web che ci sta curando Rossano Ronci, a delle collaborazioni con alcuni dj, però senza avere la serata e l’orario fisso, non vogliamo diventare il pub ad esempio, che il sabato sera mette la commerciale, ma cerchiamo anche qui di dare un plus al locale, cambiando sonorità come dal jazz al funki, come agli 60-70 italiani, che stiamo attualmente proponendo il venerdì per lo più; comunque anche qui stiamo pensando ad una rotazione di sonorità in continua evoluzione. Sicuramente, dopo questa fase di rodaggio, cercheremo anche di fare delle feste o iniziative che per il momento abbiamo in cantiere e che presto potrete, anche tramite questo sito, venire a sapere.

Danilo Billi per http://pesaroclick.wordpress.com/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>