Volley, giovedì al PalaSnoopy amichevole con la nuova Robur Tiboni Urbino

di 

2 ottobre 2013

La presentazione

La presentazione della Robur Tiboni (foto Andrea Ceccarini)

PESARO – Derby per una sera, anche se tra le due squadre che scenderanno in campo giovedì al PalaSnoopy ci sono due categorie di differenza: Urbino è in Serie A1, Pesaro in B1. Eppure – crediamo – non mancheranno gli appassionati desiderosi di vedere all’opera le ragazzine di coach Bertini, sperando rendano la vita difficile, come da tradizione, alle avversarie ducali.

In verità, c’è grande curiosità anche per capire il livello della Robur Tiboni, che ha cambiato volto. Sono rimaste solo Negrini, Santini, Giombini e Leggs, hanno salutato le giocatrici più rappresentative, dal capitano Lucia Crisanti alle stelle straniere Lise Van Hecke e Valdone Petrauskaite.

Per fortuna, a disposizione di coach Micoli c’è quasi un mese di tempo, perché in un campionato anche quest’anno dispari (se il Tar non darà irragionevolmente ragione a Torino Chieri, reintegrandola in A1) Urbino riposerà in coincidenza con la prima giornata ed esordirà solo la domenica successiva, il 27 ottobre, per ospitare le campionesse italiane della Rebecchi Nordmeccanica Piacenza che riporteranno nella città ducale proprio la formidabile belga lanciata al PalaMondelce.

Dunque, c’è attesa per vedere all’opera il libero Luna Veronica Carocci, tornata in Italia dopo l’esperienza azera nell’Azerrail Baku, la palleggiatrice croata Bernarda Brčić (a proposito, che tristezza leggere il suo cognome sbagliato nel sito internet della società ducale!), la schiacciatrice serba Olivera Kostić, la centrale canadese Jaimie Thibeault e, perché no, la giovanissima schiacciatrice colombiana Paola Escobar. A proposito di quest’ultima, l’augurio è che non sia il bis di un’altra Paola colombiana, quell’Ampudia che è stata uno dei più grandi errori della Robur Pesaro.

Ora Pesaro non è più Robur, è rappresentata dall’unione tra quest’ultima e la Snoopy. Che, appunto, ospita il derby amichevole. Con quale spirito? Barbara Rossi, attivissima, entusiasta, ma anche attenta presidente, ha presentato così l’appuntamento: “Mi aspetto di vedere lo stesso appuntamento di sabato scorso contro San Lazzaro e magari qualche passo avanti nel sistema di gioco. Non guarderò certo al risultato. Siamo in fase di preparazione, le gare sono condizionate dal lavoro fisico (le ragazze di Bertini si allenano come le colleghe di serie A1, due volte al giorno; ndr). Spero solo di vedere interessanti spunti tecnici”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>