Ecco il manifesto dei giovani imprenditori marchigiani. Straccia eletto nuovo presidente regionale

di 

5 ottobre 2013

PESARO – Quasi 600 richieste per finanziare la propria impresa. Di queste la maggior parte dalle province di Ancona e Macerata. Così i giovani marchigiani hanno chiesto aiuto quest’anno attraverso il Prestito d’onore alla Regione Marche per aprire la propria attività. Gli under 35 credono scommettono su se stessi e pensano che una alternativa alla disoccupazione possa essere ad esempio quella di realizzare un’impresa che dia sostanza alle proprie aspirazioni e capacità. L’assessore alle attività produttive Sara Giannini ha svelato ieri a Pesaro, nel corso dell’assemblea elettiva regionale di CNA Giovani Imprenditori, le cifre che riguardano gli under 35 che hanno presentato richieste di finanziamento per i loro progetti. “Abbiamo concesso loro mediamente 30 mila euro – ha detto la Giannini – finanziando attraverso il prestito d’onore idee e progetti in tutta la regione. In un momento di crisi pesante come quello che stiamo vivendo non è poco, anche se si può fare molto di più; ad esempio riuscendo ad intercettare appositi fondi nell’ambito della prossima programmazione europea 2020”.

Un momento del convegno

Un momento del convegno

Ma nel corso dell’assemblea dei neoimprenditori CNA, che ha snocciolato cifre preoccupanti non solo sull’occupazione giovanile ma anche sulle neoimprese, è arrivata anche qualche buona notizia. Le ha portate la senatrice ed ex segretario dell’associazione Camilla Fabbri, membro della Commissione Industria che la prossima settimana sarà relatrice di due disegni di legge per le piccole e medie imprese. Uno prevede incentivi e tutele per il Made in Italy ed un altro per favorire il passaggio generazionale e la trasmissione di impresa. Due leggi che in qualche modo possono coinvolgere ed aiutare concretamente il mondo delle neoimprese. Nel corso dell’iniziativa, aperta dal segretario provinciale della CNA, Moreno Bordoni e dal presidente provinciale, Alberto Barilari, è stato consegnato alle due rappresentanti delle istituzioni un manifesto programmatico dei giovani imprenditori della CNA. Ad illustrarli la presidente uscente, Lucia Pierleoni che ha sottolineato la necessità di aiutare i giovani e le imprese. Come? Cercando di ridurre drasticamente la burocrazia attraverso la digitalizzazione. Ed ancora nuove regole e puntali applicazioni per il rispetto dei pagamenti tra privati (incentivando le forme di pagamento preventive e consentendo di utilizzare strumenti veloci ed efficaci per il recupero crediti, per una riscossione certa e veloce. Una lotta al sommerso anche attraverso l’eliminazione pressoché totale del denaro contante. Maggiore impegno per l’introduzione nelle scuole dello studio delle lingue straniere, delle nuove tecnologie e dei mezzi di comunicazione. Sostegno alle imprese (giovani e non): abbattendo gli oneri contributivi e fiscali per le aziende e detassando la parte variabile delle retribuzioni. La valorizzazione dell’apprendistato come strumento di agevolazione all’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Nell’incontro, aperto da un video che ha raccontato le storie di 8 giovani imprenditori delle Marche che ce l’hanno fatta, è intervenuto anche il presidente nazionale di CNA, Giovani Imprenditori, Andrea Di Benedetto. Per lui è importante anche la valorizzazione della cultura e del turismo e la necessità di un profondo ricambio generazionale e culturale delle classi dirigenti. Per cercare di innovare e modernizzare il Paese si deve necessariamente attingere a quello che possiamo definire il “potenziale inespresso”: i trenta/quarantenni” che si stanno facendo onore in Italia e nel mondo grazie alla loro inventiva e alla loro preparazione e voglia di farcela.

Al termine dell’assemblea, chiusa dal presidente regionale di CNA Marche, Renato Picciaiola, è stato eletto il nuovo presidente regionale di CNA Giovani Imprenditori: si tratta di Gianluca Straccia, imprenditore della meccanica di Spinetoli in provincia di Ascoli e titolare della Santa Barbara Meccanica, azienda impegnata anche nella fornitura di prestigiose scuderie di Formula Uno e delle Moto Gp che da lavoro a 18 dipendenti.

Straccia è nato l’11 ottobre 1974 a Spinetoli in provincia di Ascoli. Titolare della Santa Barbara Meccanica, azienda che attualmente da lavoro a 18 dipendenti, Straccia è anche presidente della Mirage Motorcompany, azienda che ha ottenuto per i prossimi cinque anni la fornitura in esclusiva delle auto della Formula Monza. Per l’alto livello tecnologico raggiunto, la sua azienda è stata scelta per la lavorazione di particolari e sofisticati componenti da scuderie nel mondo della Formula Uno e della Moto Gp.

 

Il neo presidente regionale dei Giovani Imprenditori CNA nel 2010 è stato insignito del Premio ‘Eccellenza Marche’, mentre nel 2011 ha vinto il premio speciale della Camera di Commercio ascolana per il talento imprenditoriale. Straccia partecipa al progetto Ici (Istituto cultura d’impresa), che porta alcuni imprenditori locali nelle scuole, per parlare ai giovani del mondo dell’imprenditoria e delle esperienze personali di ciascuno.

 

Prima della sua elezione alla guida dei ne imprenditori marchigiani, Gianluca Straccia è stato presidente dei Giovani Imprenditori di Ascoli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>