Mei (Udc): “Nell’attesa della Fano-Grosseto, bisogna collegarsi alla nuova viabilità che stanno realizzando in Umbria”

di 

10 ottobre 2013

Marcello Mei*

FANO – La realizzazione del tratto mancante della Fano-Grosseto è certo una priorità che giustamente gli enti locali interessati stanno sollecitando da tempo, allo stesso modo è però indubbio che l’opera necessita di tempi lunghi e finanziamenti ingenti tenendo conto che, oltre ai lotti mancanti, necessitano di essere realizzati anche la seconda canna della galleria di Mercatello sul Metauro ed il raddoppio del vecchio tratto di superstrada. Occorre anche poi reperire i finanziamenti necessari e risolvere i problemi posti dai Comuni attraversati dal nuovo tracciato proposto eccetera, un complesso di questioni non semplice da risolvere.

Nella attesa passeranno anni e l’economia della provincia continuerà ad avere le ali tarpate dalla mancanza di un collegamento veloce con il Tirreno. In attesa della realizzazione dell’opera sarebbe logico migliorare il collegamento tra Pesaro, Fano e Roma collegandosi alla nuova viabilità che in Umbria si sta già realizzando. Basterebbe migliorare il collegamento che da Cagli, passando per Cantiano, arriva a Gubbio ed allacciarsi alla realizzazione in corso che migliorerà notevolmente il collegamento tra Gubbio ed Umbertide e che che consente l’allacciamento con la  e 7 e quindi passando per Perugia arrivare a Roma.

Un percorso già quasi realizzato per intero e che necessiterebbe solo di migliorie nel tratto marchigiano, con costi non eccessivi e tempi di realizzazione certamente più abbordabili. Su questo la Provinca di Pesaro e Urbino e la Regione Marche debbono intervenire con atti concreti  senza ulteriori ritardi.

*Presidente Provinciale UDC PU

Tags: , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>