Testamento biologico, il grillino Ballerini chiede un registro comunale: “Decidere sulla morte è decidere su una parte della vita”

di 

10 ottobre 2013

Mirko Ballerini*

PESARO – Presto in Consiglio Comunale si discuterà la mozione presentata dal MoVimento 5 Stelle sulla “Istituzione del Registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)” conosciute anche come “ Testamento biologico”. Si tratta in breve di una mozione che chiede al sindaco quale massima autorità sanitaria ed al Consiglio di permettere che ogni cittadino possa dichiarare la sua volontà di essere o non essere sottoposto a trattamenti medici in caso di malattie o traumatismi cerebrali che determinino una perdita di coscienza definibile come permanente ed irreversibile.

Mirko Ballerini

Mirko Ballerini

In assenza di una legge dello stato sul Testamento biologico e sulla eutanasia, il Registro Comunale introdurrebbe il riconoscimento formale del valore etico delle dichiarazioni dei cittadini in merito alle decisioni sulle terapie da accettare o meno, prese in piena facoltà di intendere e volere.

La Costituzione italiana sancisce il diritto all’autodeterminazione terapeutica, come recita l’art.32 che tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed afferma che nessuno può essere obbligato ad un trattamento sanitario se non per disposizione di legge e che la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Aspirare ad una morte dignitosa si impone alla nostra coscienza, dovrebbe essere un diritto inderogabile di ogni uomo e ogni donna, per questo la tematica del testamento biologico ormai da anni si pone al centro di un ampio dibattito  investendo questioni di ordine medico, etico, religioso e giuridico.

La sorte di una vita dovrebbe dipendere dal proprietario di quella stessa vita ed invece da noi a comandare è lo Stato, lo Stato Italiano che, ricordiamolo, sul tema del trattamento fine vita è e resta tra gli ultimi della fila.

*Consigliere comunale Movimento 5 stelle Pesaro

Tags: , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>