Pesaro, semplificazione delle norme del Piano regolatore: stralciati 136 articoli (su 240). La VIDEOINTERVISTA

di 

17 ottobre 2013

PESARO – Il Piano Casa ha offerto l’opportunità al Servizio Urbanistica, guidato dall’assessore Gerardo Coraducci e dai dirigenti Nardo Goffi e Guglielmo Carnaroli, di svolgere un accurato lavoro di variazione e semplificazione delle norme tecniche di attuazione del Prg 2000. Dei 240 articoli attualmente presenti, verrà sottoposta al vaglio degli ordini professionali, della Provincia e infine del Consiglio comunale lo stralcio di 136 articoli e la modifica di 33 delle restanti 104 normative.

Tra gli aspetti salienti del nuovo quadro tecnico, l’attenzione alla sicurezza nei cantieri, alla promozione delle normative antisismiche e il superamento del parametro della superficie accessorie con un leggero aumento della capacità edificatoria (e quindi della superficie utile) degli edifici. Di seguito le principali modifiche proposte:

eliminazione di 136 articoli su 240 che non ha correlazioni dirette con la predisposizione dei progetti edilizi, oppure perché trattano aspetti disciplinati dalle normative di settore. Tra gli articoli che andranno eliminati rivestono rilievo quelli che disciplinano in modo prescrittivo gli interventi riguardanti gli edifici in muratura all’interno del centro storico e delle zone agricole, considerando in alcuni casi che rappresentano una limitazione per la progettazione degli interventi; comportano difficoltà operative per l’attuazione degli interventi edilizi; prescrivono modalità attuative che a volte interferiscono con le normative che disciplinano gli interventi in zona sismica che, chiaramente, sono prevalenti.

modifica di 33 articoli (dei restanti 104) che costituiscono i principali riferimenti per la predisposizione dei progetti edilizi. Tra gli articoli modificati si sottolineano quelli che riguardano la definizione dei parametri edilizi (eliminazione del parametro della superficie accessoria; ridefinizione della superficie netta con incremento dei parametri edificatori in relazione all’eliminazione del parametro della superficie accessoria; eliminazione del parametro della visuale libera il cui rispetto rende in alcuni casi difficile gli interventi che riguardano il patrimonio edilizio esistente; rimodulazione dei parametri inerenti le quote di parcheggio privato ad uso pubblico; ridefinizione dei lavori consentiti dalle diverse tipologie d’intervento – risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o vincolata – in relazione all’eliminazione del parametro della superficie accessoria e alla ridefinizione del parametro della superficie netta, in adeguamento alle nuove normative che disciplinano gli interventi di ristrutturazione edilizia, introducendo il “volume” come parametro di riferimento per gli interventi che interessano il patrimonio edilizio esistente).

introduzione di una maggiore flessibilità per le destinazioni consentite all’interno dei sub-sistemi, e accorpamento dei sub-sistemi della residenza R2 e R3 e della produzione P1-P2-P3-P4.

incremento degli incentivi per la qualità degli interventi che rispetteranno le prescrizioni del regolamento di bioarchitettura e in tutti gli interventi che faranno ricorso ai concorsi di progettazione.

Forum sulla pagina www.facebook.com/profilocittapesaro

Intervista al sindaco Luca Ceriscioli: http://youtu.be/MFQONE1gpVg

 

Fonte: Pesaro0914

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>