Urbino, giovedì alle ore 18 sarà inaugurata nel Palazzo Ducale la mostra “Luigi Serra per la Galleria Nazionale delle Marche”

di 

21 ottobre 2013

URBINO – Giovedì 24 ottobre alle ore 18 sarà inaugurata nel Palazzo Ducale di Urbino- Sala Banchetti- la mostra “Luigi Serra per la Galleria Nazionale delle Marche”

 

Con questa mostra si desidera ricordare, per ripercorrere, attraverso l’azione speciale dello studioso e dell’’amministratore Luigi Serra’, i tempi, strettamente intrecciati, della nascita di un museo e di un’idea: un’idea che ha travalicato i limiti delle situazioni singole per investire piani di più ampia operatività che risultano di inaudita modernità.

Luigi Serra divenne direttore della Galleria Nazionale delle Marche nel 1915 (pochissimo tempo dopo l’istituzione della Galleria, allora Regia, avvenuta nel 1912).

Nel giro di una manciata di anni la piccola collezione aggregata alla Scuola d’Arte si trasformò in un grande museo.

Luigi Serra ne incrementò le opere: giunsero a palazzo Ducale, solo per citare alcuni significativi esempi, i dipinti urbinati di Giovanni Santi e Timoteo Viti, la “Madonna di Senigallia” e la “Muta”, gli arazzi da Raffaello, i cartoni di Domenichino e Carracci (indizi questi ultimi di un interesse per la cultura barocca del tutto inedito all’epoca).

 

Nel giro dello stesso brevissimo tempo egli ‘liberò’ il Palazzo dagli uffici pubblici che ne occupavano gli spazi, con lo scopo di costituire un grande ‘polo’ museale (il termine è decisamente attuale, ma è il più preciso da utilizzare).

Inventò per il nuovo museo un allestimento di grande fascino, allineato sulle posizioni contemporanee dei più grandi omologhi europei, proponendo una ‘ricostruzione’ degli ambienti in sintonia con le opere esposte.

Profuse il medesimo impegno nella creazione dei più importanti musei che segnano la complessa e variegata realtà delle Marche, individuandone con lucidità le specificità. Studiò il tessuto fittissimo delle opere d’arte e dei monumenti della regione con attitudine scientifica, impostando la prima operazione sistematica di catalogazione del patrimonio: un’operazione conoscitiva che costituisce a tutt’oggi la base per ogni ricerca.

Ebbe nettissima la visione di quanto importante fosse la ‘comunicazione’ –anche in questo caso un termine attuale indica con precisione l’idea di Serra – predisponendo strumenti di diffusione di vario livello, dalle più agili guide museali alla rivista – la “Rassegna Marchigiana” – deputata alla ricerca storico-artistica. Dal ‘sistema’ di azioni, pur così rapidamente tratteggiato, risulta evidente l’apporto ‘sconvolgente’ che fu offerto da Luigi Serra, tra l’altro in una visione assai articolata dei rapporti tra centro e periferia. Conoscenza (la catalogazione), comunicazione, fruizione (il ruolo del museo) sono i capisaldi che reggono tuttora la macchina complessa della tutela del patrimonio.

La Soprintendenza e l’Accademia Raffaello di Urbino desiderano ricordare, con una giornata di studi e questa piccola mostra, giocata sulle sfaccettature della personalità e dell’attività di Luigi Serra, colui che ha improntato, con segno profondo e ‘visionario’, sempre lungimirante, il cammino di un museo, di una città, di una regione verso il futuro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>