Fondo trasporti, Morani (Pd): “Le Marche penalizzate perché troppo virtuose. Il ministro risponda in Parlamento”

di 

25 ottobre 2013

Assessore Alessia MoraniROMA – Depositata oggi l’interrogazione a risposta immediata al Ministro dei Trasporti Lupi per chiedere una più equa ripartizione del Fondo Nazionale per i Trasporti che assegna alla Regione Marche solo il 2,8% dei finanziamenti per i trasporti locali in virtù del criterio di spesa storica.

“Utilizzare il criterio della spesa storica – dichiara l’onorevole Alessia Morani – porta a risultati paradossali e disincentiva il senso di responsabilità delle regioni. Le Marche, che hanno da sempre cercato di ridurre gli oneri dello Stato sulle spese relative al settore dei trasporti, si ritrovano ingiustamente penalizzate in virtù della loro stessa virtuosità. Questo è inaccettabile oltre che dannoso”.

I dati, infatti, fanno emergere un dato sconcertante: la parte di Fondo attribuita alle Marche è la più bassa in assoluto, addirittura la metà delle quote attribuite alle Regioni a essa paragonabili per dimensione territoriale e abitativa. “Mi auguro – prosegue l’onorevole Morani – che quest’interrogazione, insieme all’efficace azione condotta dall’Assessore Regionale ai Trasporti Luigi Viventi, possa portare all’attivazione di un fondo perequativo che attenui almeno in parte questa situazione di grave criticità e ingiustizia”.

Anche la Regione Marche si dichiara soddisfatta dell’azione intrapresa dalla Morani e dai deputati Marchigiani che, in una nota, ringrazia la giovane deputata e tutti i parlamentari che hanno preso e prenderanno a cuore il problema della grave sperequazione nella ripartizione del Fondo nazionale per il trasporto pubblico locale, che penalizza ingiustamente le Marche. “Stiamo conducendo – prosegue l’assessore Viventi – questa vertenza su più fronti e credo sia molto importante che l’intervento si articoli ai diversi livelli istituzionali. Mi auguro che questo sforzo congiunto possa portare alla soluzione del problema”.

Tags: , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>