Il fotografo Danilo Billi aggredito in centro storico: “Mi hanno strappato la macchina, la polizia non è potuta venire”

di 

26 ottobre 2013

Danilo Billi detto Cami

Danilo Billi detto Cami

PESARO – Incredibile a Pesaro. Nemmeno fossimo nel bel mezzo del Bronx. Danilo Billi detto Cami, conosciutissimo fotografo pesarese iscritto all’ordine dei Giornalisti, è stato aggredito stasera in pieno centro storico.

“Erano le 23 quando sono uscito per andare a fare qualche scatto alla manifestazione “Facciamo centro” – racconta ancora scosso – Poi, poco prima di mezzanotte, mentre mi dirigevo alla macchina che avevo lasciato in via Belvedere, vicino porta Rimini mi si sono avvicinati due ragazzi italiani non pesaresi – con l’accento comunque marchigiano – che hanno iniziato ad accusarmi di averli fotografati. Non era così e gliel’ho detto, ma loro hanno continuato ad insultarmi e minacciarmi. Pensavo fosse finita lì, e invece uno di loro mi si è avvicinato e mi ha strappato la macchina fotografica che tenevo su una spalla con violenza inaudita. Ha rotto l’obiettivo sotto i miei occhi e si è portato via la mia Nikon D200, prima di salire sull’auto che nel frattempo era stata messa in moto dell’amico”.

Al di là del valore del materiale – circa 2.000 euro – ciò che ha lasciato Danilo Billi senza parole è quanto successo successivamente. “Ho immediatamente chiamato la polizia – ha continuato il racconto – ma mi è stato risposto che tutte le pattuglie erano impegnate in interventi per alcuni furti e che quindi non potevano occuparsi di episodi come quello successomi. Così ho chiamato i carabinieri, che sono arrivati prendendo tutti i dati e il mio racconto. Domani farò denuncia, ma non mi sento assolutamente tutelato, né come cittadino né come giornalista. E poi corpo macchina e obiettivo normalmente non vengono assicurati dalle compagnie”.

Tags: , , , , ,

Un commento to “Il fotografo Danilo Billi aggredito in centro storico: “Mi hanno strappato la macchina, la polizia non è potuta venire””

  1. alessandro scrive:

    All’amico Danilo Billi giunga da parte mia e di tutti i giornalisti pesaresi la più totale ed affettuosa solidarietà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>