Mano nel tritacarne: dramma all’Eurospin per una commessa pesarese di 26 anni. In eliambulanza ad Ancona con il macchinario ancora attaccato per salvare le dita

di 

4 novembre 2013

PESARO – La mano nel tritacarne. Come in un film horror. E’ successo questa mattina a una giovane commessa pesarese dell’Eurospin di piazzale Stefanini. Le urla della ragazza, provenienti dal reparto macelleria, hanno dato l’allarme ma nessuno, né i colleghi né il personale del 118, sono riusciti a estrarre la mano destra della 26enne dal macchinario che serve per preparare il macinato. Solo con l’arrivo dei vigili del fuoco, che avevano una mola elettrica, si è riusciti ad aprire il tritacarne.  Dopo l’arrivo dell’eliambulanza, arrivata dall’Ospedale regionale di Ancona,  è stato deciso di non liberare la mano dal macchinario nella speranza di poter in qualche modo riattaccare le dita alla mano. Trattandosi di infortunio sul luogo di lavoro, sul posto, sono intervenuti anche gli ispettori dell’Asur.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>