Cgil e Cisl al Comune di Fano: niente soldi ai fondi anticrisi, l’Amministrazione ignora il dramma della crisi

di 

7 novembre 2013

FANO – Alla fine quello che più si temeva è accaduto. Nell’incontro di ieri, mercoledì 6 novembre, che doveva finalmente definire il bando per i fondi anticrisi, l’assessore comunale al Bilancio ci ha comunicato che gli 80.000 euro messi a bilancio per il 2013 non sono più disponibili. “Il governo ha deciso di trattenersi una quota dei rimborsi Imu da destinare ad un ‘Fondo di solidarietà nazionale dei comuni” è stata la giustificazione. Infatti anche in una nota del sindaco Aguzzi di qualche giorno fa abbiamo letto che la Giunta ha bloccato tutte le spese salvo “quelle indifferibili ed urgenti”. Tradotto significa che prevedere risorse da destinare a quelle famiglie più colpite dalla crisi economica non rientra tra le spese ritenute necessarie. Inaccettabile.

Ora il fatto che si sia aspettato novembre per decidere che non ci sono più i soldi è il segnale più evidente della poca attenzione che questa Amministrazione ha avuto sul grammatico problema della crisi economica e di un un impegno mancato che il sindacato ha sempre criticato e denunciato all’opinione pubblica e nelle sedi competenti.

Stando così le cose le uniche risorse disponibili, per il fondo anticrisi del 2013, ammontano quindi a circa 73.000 euro di cui 40.000 euro di avanzo gestione 2012 e 30.000 provenienti dalla Fondazione Carifano.

Sarà pertanto inevitabile rivedere al ribasso le tipologie di intervento, l’entità del contributo e soprattutto il numero delle famiglie che potrà accedere al contributo stesso.

Le organizzazioni sindacali invitano ancora una volta l’amministrazione comunale, a reperire le risorse necessarie ai tanti cittadini in difficoltà e chiudere il bilancio in pareggio, senza tralasciare nessuna iniziativa al fine di trovare altri soldi per dare risposte all’emergenza ogni giorno più drammatica sociale e occupazionale nel territorio.

 

Fausto Artibani Cgil Fano

Giovanni Giovanelli Cisl Fano

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>