MotoGP, tutti i segreti del Gran Premio della Comunità Valenciana. A cura di Enrico Biondi

di 

7 novembre 2013

IL CIRCUITO

 

Il circuito di Valencia

Il circuito di Valencia

 

 

Nome: Ricardo Tormo

Anno Costruzione: 1999

Pole position: destra

Lunghezza: 4.005 m

Larghezza 12 m

Rettilineo più lungo 968 m

Curve a destra 5

Curve a sinistra 9

 

Numero giri 23

Distanza totale: 116,8 km

 

Risultato 2012

 

1-Pedrosa

2-Nakasuka

3-Stoner

10- Rossi

 

LA STORIA

Il Ricardo Tormo Circuit è un circuito motoristico alle porte di Valencia, dedicato al pilota spagnolo deceduto nel 1998. Fu inaugurato nel 1999 con il Grand Prix bwin.com de la Comunitat Valenciana, vinto da Régis Laconi. La sua posizione geografica che consente un mite clima invernale mentre la costruzione eseguita in un anfiteatro naturale, permette a tutti gli spettatori di poter vedere tutto il circuito in un solo grande colpo d’occhio. La scorsa stagione vittoria sotto l’acqua di Pedrosa su Nakasuka (sostituto di Spies) e Stoner che chiude la sua carriera con un podio. Solo 10° Rossi, che dice addio alla Ducati.

 

 

 

 

DA VEDERE

 

Valencia

Valencia, modernità in un’anima antica

 

 

 

 

 

 

 

CIUDAD DE LAS ARTES Y LA CIENCIAS.

 

 

 

La città delle arti e delle scienze si estende su un’area di 350 mila metri quadri. Progettato dall’architetto valenciano Santiago Calatrava si compone di un Planetarium, un Museo delle Scienze interattivo, l’Oceanografic e il Palazzo delle Arti della Regina Sofia.

 

BASILICHE E CATTEDRALI

 

Valencia, città basiliche e cattedrali

Valencia, città basiliche e cattedrali

 

 

 

 

 

La cattedrale di Valencia è un insieme di architetture gotiche, romane, barocche e rinascimentale. La cattedrale si trova vicino alla Plaza de la Reina. In Plaza de la Virgen c’e’ la Basilica di Nuestra Senora de los Desamperados e il Palau de la Generalitat, edificio in stile gotico del XV secolo dove ora c’è la sede del governo della regione. A est della piazza c’e’ il sito archeologico dove si possono ancora vedere i resti arabi, romani e cristiani e la Cripta de la Càrcel de San Vincente Màrtir.

 

 

 

 

 

 

LA CITTÀ VECCHIA

 

Valencia, la magia della città vecchia

Valencia, la magia della città vecchia

 

 

 

Da non perdere il Palacio del Marquès de Dos Auguas, la Plaza del Mercado, la Torres de Serranos e la Torres de Quart.

 

 

 

 

 

 

I GIARDINI

 

Giardini

Giardini

 

 

 

A Valencia ce ne sono di bellissimi, quali i Jardines del Turia, i Jardines del Real e il Jardìn botànico. Da non perdere anche Gulliver, legato per terra dai lillipuziani. Si trova a est del Palau de la Mùsica: vi sembrerà di ritornare bambini e insieme con loro potrete usare gli scivoli accanto alla statua, piazzati ai bordi della giacca.

 

 

 

 

LA MOVIDA

 

 

Valencia rivaleggia con Madrid e Barcellona per la sua vita notturna. Ma la movida di Valencia è più discreta, meno esibita. Indispensabile quindi sapere dove andare e quando, altrimenti si rischia il mortorio arrivando troppo presto.

Tags: , , , ,

Un commento to “MotoGP, tutti i segreti del Gran Premio della Comunità Valenciana. A cura di Enrico Biondi”

  1. smanettone scrive:

    Grande, davvero bella e completa questa panoramica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>