Vis Pesaro – Fano 1-1, Giovanni Dominici all’ultimo respiro risponde al rigore di Antonioni

di 

10 novembre 2013

VIS PESARO – ALMA J. FANO 1-1

VIS PESARO (4-4-1-1): Foiera; G. Dominici, Cusaro, Melis, Martini (36′ st Costantino); G.Torelli (35′ pt Bianchi), A.Torelli, Omiccioli (20′ st Chicco), Bugaro; Ridolfi; Cremona. A disp.: Osso, E. Dominici,  Costantini, Bartolucci, Rossi, Di Carlo. All. Magi

FANO (4-4-2): Ginestra; Clemente, Torta, Nodari, Cesaroni; Bracci (42′ st Fabbri), Lunardini, Sassarioli, Antonioni; Stefanelli, Cicino. A disp.: Tonelli, Filippone, Favo, Fatica, Vitali, Provenzano, Forabosco, Angelelli All. M.Omiccioli

ARBITRO: Arbitro: Minafra di Roma

MARCATORI: 34′ pt Antonioni (F) su rig.J, 43′ Dominici (V)

NOTE: Spettatori 3000 circa (1039 biglietti venduti in prevendita, circa 600 tifosi provenienti da Fano). Giornata coperta. Ammoniti: Cusaro (V), Bugaro (V), Clemente (F), Chicco (V), Lunardini F). Angoli: 3-2. Recuperi: pt 1′, st 4′

 

PESARO – Non ci sono manuali di istruzioni per il derby: bisogna semplicemente giocarlo. In agosto, in Coppa Italia, davanti a 2500 spettatori, la Vis sembrava ormai a un passo dalla vittoria grazie alle reti di Chicco, ex di turno, e Ridolfi, il prodotto doc della cantera biancorossa, ma alla fine fu l’Alma a esultare grazie ad Antonioni, fanese verace, e Stefanelli, cresciuto nel Fano, approdato poi alla Vis, oggi residente a Pesaro ma tornato a vestire la maglia granata da questa estate. Curioso il fatto che lui ci fosse anche 14 anni fa, in occasione dell’ultimo derby di campionato giocato e finito 1-0 per la Vis grazie alla rete di Armando Ortoli (su assist di Segarelli): sarà l’unico di allora, oggi, ancora in campo.

Vis Pesaro pesaresissima: sono 10 i pesaresi doc sui 22 convocati da Mister Magi, pesarese verace pure lui. Per la prima volta dell’anno, tranne il lungodegente Giorgio Vagnini, ci sarà tutta la rosa disponibile. Melis torna dopo la squalifica scontata a Recanati, Ridolfi ha recuperato dal problema alla schiena e Chicco, dopo l’esordio in campionato effettuato sull’Ermo Colle (si era infortunato proprio durante il derby di Coppa col Fano) scalpita per un posto.

Ginestra al rinvio

Ginestra al rinvio, sullo sfondo il settore Prato colmo di tifosi pesaresi

 

La Vis è la squadra del campionato con più reti siglate dagli under (8) e la seconda per giocatori diversi mandati in gol. La classifica dice +7 sui cugini del Fano in classifica ma, si sa, il derby azzera tutto. Mister Mirco Omiccioli che, per l’ennesiam volta, si troverà di fronte suo figlio Andrea, capitano della Vis, recupera il regista Lunardini. Assenti sicuri gli indisponibili Muratori, Zanetti e Righi.

Altissima l’attesa: mai, in 90 scontri e 99 anni di sfide (la prima nel 1914), si era arrivati a vendere 1.039 biglietti in prevendita (i botteghini, poi, sono rimasti aperti anche oggi). Non si arriverà mai ai quasi 6000 spettatori registrati nel 1975 (anche perché l’attuale capienza del Benelli, per motivi di sicurezza, sfiora i 3000 posti) ma è probabile che si arrivi al  tutto esaurito. In serata comunicheremo il dato definitivo. Per l’occasione sarà anche ripristinato il servizio di telecamere interne rimasto spento dai tempi della C1. In campionato sarà il derby numero 65: i granata conducono per 20 vittorie a 18.

Magi tiene tutti sulla corda fino all’ultimo secondo utile: anche in fase di riscaldamento. In tribuna, alla fine, Pieri e Pangrazi ma sono 13 gli uomini fatti riscaldare con due probabili ballottaggi: Chicco e Cremona, Giorgio Torelli e Bianchi.

Alle 14.06 formazioni ancora non comunicate. Da vecchi tempi tempi, invece, il tifo sugli spalti: fanesi già in massa nel settore riservato e ultras pesaresi, invece, che per tutto il pre-partita si sono dati appuntamento davanti al Circolo Amici della Vis dando vita a uno spettacolo di bandiere e cori. Un unico grande striscione presente nel settore Prato: La mia passione, la tua ossessione.

Ore 14.19, ecco le formazioni ufficiali. Fano confermato, nella Vis Giorgio Torelli la spunta su Bianchi e Cremona titolare al posto di Chicco. Pubblico delle grandissime occasioni, atmosfera elettrica.

Partiti: bellissima la coreografia degli ultras vissini con un mega striscione srotolato dall’alto “Pisaurum Patria Nostra”

La coreografia degli ultras pesaresi nel derby

La coreografia degli ultras pesaresi nel derby

6′ Martini prova il tiro cross: la palla si perde sibilando sopra la traversa.

Non si notano marcature a uomo su Ridolfi: Omiccioli mister opta per un 4-4-2 con molto alto Antonioni a sinistra in appoggio a Stefanelli e Cicino. La Vis è un 4-4-2 tendente al 4-3-3 con Ridolfi quasi in linea con Cremona e Bugaro, più arretrato Giorgio Torelli.

Continua la fase di studio: si applica di più la Vis ma tra fuorigioco e falli, al momento, si sta giocando pochissimo. Intanto il tempo regge: per ora non piove.

11′ Occasionissima Vis: Bugaro scende sulla sinistra e taglia in mezzo per Cremona che scivola, forse spinto, riuscendo comunque a tenere il pallone. Pur accerchiato da tre difensori dell’Alma, da terra, lotta e riesce a girare verso la porta. La sfera sibila a lato di poco. Vis più reattiva in questo frangente con Bugaro che, subito dopo, si ribeve Clemente e trova la deviazione in angolo.

Poco da segnalare: le squadre cercano sbocchi sulle rispettive fasce sinistre, con Bugaro da una parte e Antonioni dall’altra. Per il resto partita incartata.

21′ Fano pericoloso su calcio d’angolo: Antonioni mette in mezzo e Omiccioli respinge di testa, Antonioni riprende e calcia secco verso la porta e ancora Omiccioli ci mette il piede in angolo.

23′ Magi manda a scaldare Bianchi.

Evidente, in entrambe le squadre, la paura di sbagliare. Tradotto in campo: pochissima manovra, diversi lanci, attendismo puro.

29′ Bugaro arpiona un pallone dai piedi di Cicino e lo serve ad Alberto Torelli che inserisce la sua marcia speciale e cavalca verso Ginestra: uno-due con Cremona e Ginestra, con la sfera di ritorno un po’ troppo lunga, blocca l’azione.

33′ Ingenuità di Dominici in controllo: Antonioni lo intercetta e lo fa secco, guadagnandosi una preziosa punizione vicino la bandierina. Guai grossi che si materializzano un minuto dopo sugli sviluppi della battuta dello stesso Antonioni. Rigore per il Fano; Cusaro trattiene Stefanelli in area, per l’arbitro è rigore. Ammonito Cusaro. Antonioni, dagli 11 metri, carica il tiro e fa secco Foiera sparando centrale: 0-1.

Gol letteralmente regalato al Fano, in tutto e per tutto. Magi corre ai ripari inserendo Bianchi per Giorgio Torelli (toccato duro, il cambio era già pronto prima del gol).

Vis ora nervosa, il Fano cerca il colpo del K.O. con Cicino favorito da un rimpallo su Melis: Foiera arriva per primo sul pallone.

45′ La Vis reclama un rigore: Ridolfi dalla destra, dalla linea di fondo campo, taglia l’area con un cross basso e forte, sul pallone  piomba Cremona che con la porta spalancata cade contrastato da Torta. La Vis invoca il rigore, l’arbitro fa continuare. Il Benelli è una bolgia. Azione simile un paio di minuti dopo: Cremona non trova la sfera per una questione di centimetri, Ginestra blocca la sfera. Duro faccia a faccia di Magi col direttore di gara che, nonostante qualche fallo di troppo, non ha estratto cartellini tranne che sul rigore di Cusaro su Stefanelli. Vis sottoritmo, pochi spunti, centrocampo poco propositivo. Il Fano non ha fatto molto di più ma ha trovato il gol su prezioso regalo della difesa vissina.

L’arbitro fischia la fine del primo tempo dopo un solo minuto di recupero: 0-1, per ora ride il Fano.

Secondo tempo, partiti: cambio tattico nella Vis, Magi passa al 4-3-3 con Bianchi in mediana e Ridolfi esterno sinistro del tridente con Bugaro a destra e Cremona centrale. Inizia a piovere: fioriscono gli ombrelli nel settore Prato.

Aggiramento della discriminazione territoriale...

Aggiramento della discriminazione territoriale…

1′ st Cremona corre sulla destra e taglia in mezzo, per Alberto Torelli che non ci arriva. Squadre un po’ più lunghe, Vis costretta a inseguire.

6′ La cerca di accerchiare il Fano, in maniera disordinata, ma pressante. Bugaro ci prova di sinistro dal limite: la palla sibila alla sinistra di Ginestra.

9′ Punizione per la Vis, brutto fallo di Clemente su Ridolfi. Si presenta Bugaro che con il suo sinistro a giro costringe Ginestra alla super deviazione con le unghie all’incrocio. Per intercettare la sfera Ginestra sbatte la nuca sul palo e resta terra un minuto. Angolo per la Vis: nulla di fatto.

13′ Brutto fallo di Clemente su Ridolfi: l’arbitro ammonisce il difensore granata, la tribuna reclama il rosso per intervento da dietro.

Magi si gioca la carta Chicco. Esce capitan Omiccioli, Ridolfi diventa centrocampista puro. Vis per la prima volta della stagione con le due punte di ruolo Chicco-Cremona.

Chicco vicino al gol, velo di Cremona, la palla termina a lato. Vis in campo col 4-4-2 lineare, Torelli-Ridolfi coppia centrale in mediana.

30′ Si sta giocando pochissimo: complice il campo pesante e reso scivoloso dalla pioggia, errori di misura, la Vis che a ogni azione sbaglia nella misura e nelle soluzioni, non si segnalano azioni da gol. Il Fano si difende con ordine, sparacchia fuori quando c’è bisogno e davanti, quando può, cerca di pungere. Ci si mette anche l’arbitraggio: cartellino a Chicco per roteste e nessun provvedimento per Stefanelli che aveva trattenuto platealmente Ridolfi per la maglia. La Vis attacca con pochissima lucidità. Magi butta nella mischia Costantino: serve un episodio, altrimenti resterà 0-1 tutta la vita.

38′ Cross di Costantino dalla destra, Cremona spizza, Bugaro riesce a controllare in qualche maniera e a ritagliare  in mezzo, Chicco non ci arriva per poco. Sull’azione successiva (Ridolfi aveva aperto per un altro cross di Costantino) Chicco viene messo giù in area: l’arbitro lascia proseguire.

43′ Pareggio della Vis: lancio di Ridolfi per Bugaro, cross tagliato in mezzo, nel cuore dell’area, Chicco tenta la semirovesciata sporcando la palla, sul cuoio si avventa Giovanni Dominici, proprio lui, che di punta spedisce la palla nel sacco. Gol della liberazione.

Vis ora all’assalto, Fano alle corde. Da una punizione della Vis, Chicco e Cremona cadono in area. Nulla da fare. Finisce così: 1-1. Brutta partita, come la maggior parte dei derby.

Tags: , , , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>