Internet: sono 28 milioni gli italiani collegati alla rete

di 

11 novembre 2013

donne internetSecondo gli ultimi dati Audiweb, nel mese di settembre sono stati quasi 28 milioni gli italiani che si sono collegati almeno una volta nel mese preso in esame. Settembre è l’ultimo mese di cui abbiamo al momento i dati disponibili ed ogni giorno, mediamente, sono 13,3 milioni gli italiani che navigano in internet, per una media di circa un’ora e venti minuti ad utente.

Insomma, nonostante il digital divide colpisca ancora diverse aree del nostro paese, gli italiani che dispongono di una connessione utilizzano in maniera piuttosto intensa la rete e con essa i servizi che essa fornisce: siti di informazione, di social networking, ma anche video, videogiochi, siti di giochi di slot virtuali ed ovviamente motori di ricerca. Questo la dice lunga sulle possibilità occupazionali che può creare la rete, se solo fosse disponibile ad una più ampia utenza una banda davvero larga, che possa permettere quindi di fornire servizi più avanzati agli utenti.

Gli utenti che si collegano alla rete ormai coprono un’ampia fascia di profili demografici, essendo composta in maniera quasi equivalente da uomini e donne, con leggera prevalenza dei primi: 7,3 milioni, il 55% del totale, mentre gli utenti di sesso femminile sono 6 milioni, ossia il 45% del totale degli utenti che si sono collegati ad internet almeno una volta nel mese di settembre.

Varia è anche la composizione dell’utenza in base all’età. Al contrario di quanto si potrebbe pensare, non sono i più giovani gli utenti più numerosi: la fascia di utenti di età compresa tra 18 e 24 anni rappresenta il 9,7% della popolazione online, contro il 17,6% della fascia 55-74 anni, 18% dei 25-34enni e 47,7% dei 35-54enni, che sono quindi quasi la metà degli utenti collegati alla rete.

Se gli utenti più giovani (18-24 anni) sono i meno numerosi (anche per semplici motivi di piramide demografica, ormai da tempo invertita), sono tuttavia i più assidui consumatori di internet da computer, senza tener quindi conto del tempo passato collegati via tablet, smartphone ed in generale da dispositivi mobile. Sono quindi loro che trascorrono il maggior tempo collegati alla rete.

Venendo poi alla provenienza geografica, anche in questo caso i dati possono sorprendere. Se infatti il digital divide colpisce in particolar modo le regioni del sud e le isole, è proprio da questa parte d’Italia che arriva la maggior parte degli utenti online, vale a dire oltre il 31% (4,1 milioni), mentre il 26,9% (3,6 milioni) dal nord-ovest, il 1,6% dal centro (2,2 milioni) ed il 14,4% dal nord-est del paese (quasi due milioni).

Ed infine una curiosità: qual è la fascia oraria della giornata in cui ci sono più utenti collegati online? In molti penseranno la sera, ma in realtà è nella fascia oraria pomeridiana, dalle 15 alle 18, che ci sono più internauti collegati alla rete.

Tags: , , , , , , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>