Ambrosini davanti a Della Valle: “Faccio tornare viale Trieste in forma”

di 

25 novembre 2013

PESARO – Uno dei luoghi storici di Pesaro restituiti alla città e a tutti i pesaresi. E’ stato tolto il sipario oggi pomeriggio su Villa Marina, struttura sportiva riqualificata anche grazie al calciatore della Fiorentina Massimo Ambrosini (gli altri soci sono Andrea Mariani, Daniele Ridolfi e Fabiana Scavolini). Grazie ai lavori, progettati dall’architetto Paccapelo e realizzati dall’impresa Marino Bellucci, da oggi – in un posto restituito alla collettività in tutta la sua bellezza – sarà possibile giocare a calcio e a basket, fare fitness e yoga, correre sulla pista di atletica o cimentarsi su sabbia facendo beach tennis e beach volley.

banner naturalmente bella 264x60“Mi sento quasi come alla conferenza di addio al Milan” ha esordito scherzando, col sorriso sulle labbra, Massimo Ambrosini nella vicina sede di Pesaro Studi, davanti al presidente onorario della sua Fiorentina Andrea Della Valle, appositamente arrivato a Pesaro per il taglio del nastro di Villa Marina. “Al di là delle battute – ha continuato l’ex capitano del Milan, sono emozionato perché da oggi ridiamo alla città un luogo storico. Uno di quei posti a cui io, da pesarese e come tutti i pesaresi, sono legato”.

“Abbiamo creato una struttura di alto livello – ha continuato – concentrandoci su una sfida importante. Confidiamo molto sull’apporto della gente. Vogliamo che Villa Marina venga riconosciuta come il luogo dove si fa la cosa più bella del mondo: lo sport”.

Oltre alle singole attività, verranno organizzati tornei e manifestazioni varie, in una struttura che non vuole essere elitaria ma che comunque è all’avanguardia in termini di innovazione. Lo ha spiegato Matteo Panichi, l’ex cestista della Vuelle che da qualche anno ha intrapreso un’attività lavorativa differente: “Nel logo di Villa Marina abbiamo aggiunto la scritta “Lo sport a colori”, perché vogliamo fornire mille sfumature in modo che ognuno scelga quella che più lo aggrada. Vogliamo che la gente venga da noi per avvicinarsi allo sport e anche per rilassarsi, con l’ambizione di migliorare la qualità della vita riappropriandosi del proprio corpo”.

banner new mithos 515x60Poi Panichi ha elencato chi sarà l’anima del centro, a cominciare da Elvita Redavid, “il mio braccio destro” e Valentina Simonetti, passando per Claire Giuliani, “lo yoga fatto persona” e Monica Miniucchi, Francesco Bailetti, “il nostro fuoriclasse” Jessica Di Vito, Davide Bertozzini, Luigi Di Spirito, Laura Bruni, Luigi Di Spirito, Flavia Farina ed altri ancora.

Sabato e domenica prossimi previsti due open day. Alla presentazione di oggi, tra gli altri, presenti Franco Arceci, portavoce del sindaco di Pesaro Ceriscioli, presidente e d.s. della Vuelle Ario Costa e Stefano Cioppi, l’amico del basket pesarese Alberto Bucci, oltre al direttore generale della Vis Pesaro Leandro Leonardi per cui il patron della Fiorentina Andrea Della Valle – presentatosi a sorpresa assieme al presidente Mario Cognigni – ha speso grandi parole di elogio. “Leonardi ha contribuito alla rinascita viola – ha detto Della Valle – L’ho salutato con grande affetto e stima”.

L’imprenditore marchigiano ha anche tessuto le lodi di Ambrosini: “Volevo Massimo da diversi anni, ma non è stato possibile prenderlo prima vista la sua storia col Milan. Lo conoscevo come giocatore ma non come uomo. Inaugurare una struttura simile nella sua città è una cosa bella per Pesaro e per le Marche tutte. Molti giovani devono avere coraggio, senza farsi frenare dal pessimismo imperante. Bisogna reagire alla crisi partendo dal territorio”.

Prima del giro nella struttura con tanto di taglio del nastro e brindisi beneagurante, l’enigmista cagliese Leone Pantaleoni ha regalato a Massimo Ambrosini una targa con su impresso l’anagramma del nome del calciatore. Applausi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>