Maltempo e neve. Urbino, corriere in tilt. Zona Piobbico: 50 cm! Fabbri (PD): “Calamità naturali, previsti fondi per le Marche nella Legge di stabilità”

di 

27 novembre 2013

PESARO – Pioggia, alternata ad acqua stretta, e raffiche di bora. Per ora, a Pesaro città non si registrano problemi particolari legati al maltempo. Situazione leggermente diversa nella vallata del Foglia dove, da questa mattina, si registrano piccole nevicate: paesaggio imbiancato ma strade liberissime. L’avvertenza è di proteggere in contatori e girare sempre con le catene a bordo o con ruote termiche.

Per leggere il piano comunale di Pesaro per l’emergenza neve clicca qui: http://www.pu24.it/2013/11/26/piano-comunale-emergenza-neve-2013-2014-le-principali-regole-da-rispettare/

 

Neve a Urbino

Neve a Urbino

URBINO e dintorni – Cagli si è svegliata sotto una coltre di neve.  Disagi segnalati nella tratta che porta verso l’Umbria. La Contessa è ancora chiusa per una frana (per il maltempo di 10 giorni fa), l’unico varco ancora transitabile e a Scheggia, chiuso però ai mezzi pesanti per evitare blocchi lungo i tornanti. A causa del maltempo, è stata rinviata a data da destinarsi la presentazione dei restauri del grande dipinto presente nella chiesa di San Francesco, a Urbino. La presentazione era prevista per oggi alle ore 15.30.

È stato finalmente ripristinato il traffico in Urbino congestionato dalle nevicate di questa mattina, diventate intense attorno alle 10:40.

Come spesso accade, le vie di comunicazione della città ducale sono rimaste bloccate da mezzi sprovvisti di gomme termiche e catene, che assieme al maltempo hanno creato non pochi disagi.

Intasata la strada che dall’ospedale porta a Borgo Mercatale, fortunatamente non si sono registrate particolari richieste d’aiuto. Tea i più colpiti gli studenti delle scuole superiori che hanno dovuto aspettare gli autobus, sotto la neve, per diverse ore.

Un corriera, verso le 13:00 circa, ha ostruito per diverso tempo la strada di Bivio Borzaga che conduce a Fermignano. Stessa cosa in zona Sasso, direzione Pesaro.

Gli allogiati, studenti, docenti e dipendenti dei collegi universitari e Sogesta, che si affidano al servizio navette, sono rimasti a piedi poichè esse erano sprovviste di catene e gomme termiche.

Scene, queste, che si ripetono ogni anno, e che fanno pensare al perchè non cambiano le cose, visto che è possibile conoscere la situazione metereologica con un certo anticipo ed affidabilità al fine di evitare, o almeno ridurre i disagi. Un’altra domanda è perchè i ragazzi degli istituti di Urbino (molte scuole si trovano in zone impervie) non siano stati fatti uscire prima da scuola, evitando così di creare innumerevoli difficoltà.

Neve a Urbino

Neve a Urbino

 

 

 

 

Anche per domani è prevista neve, oltre i 150-250 metri (come riporta il sito internet www.geometeo.it), con la speranza che queste scene non si ripetano.

Nella zona di Piobbico, dove si sono superati i 50 centrimeti di manto nevoso caduto, si farà buon uso dell’evento atmosferico con la ripertura, sabato 30 fino a lunedì 2, degli impianti sciistici del monte Nerone.

 

FANO  – Neve su Mombaroccio, anche se non si registrano particolari disagi. Situazione sotto controllo a Fano.

 

MALTEMPO MARCHE: FABBRI (PD), IN LEGGE STABILITA’ FONDI, RISULTATO IMPORTANTE PER NOSTRO TERRITORIO

 

“Il maxiemendamento alla Legge di Stabilità contiene un comma, derivato da un emendamento da me presentato, che stanzia fondi per le regioni colpite dalle calamità naturali. Tra queste sono state inserite anche le Marche. Un risultato importante visti i tempi stretti in cui si è potuto agire, ma che permetterà alla nostra regione di poter accedere ad un fondo di 20 milioni di euro finalizzato ad interventi di ricostruzione e messa in sicurezza del territorio. Le risorse potranno essere utilizzate anche dalle imprese danneggiate dall’alluvione”. Lo afferma Camilla Fabbri, la senatrice del Pd che ha presentato e firmato un emendamento alla legge di stabilità che chiedeva al governo risorse per i danni subiti dalla regione Marche e dalla Provincia di Pesaro Urbino dopo l’alluvione dello scorso 10 – 11 novembre.

 

Neve a Urbino

Neve a Urbino

“L’approvazione dell’emendamento – continua la Fabbri – è un risultato importante per il nostro territorio vessato, in questi ultimi anni, da diverse calamità naturali e per le amministrazioni locali che hanno sempre lavorato in maniera tempestiva. Per questo voglio ringraziare i colleghi del Senato che hanno sostenuto in commissione il mio emendamento, in particolare il senatore Verducci, ma soprattutto il Governo che ancora una volta si è dimostrato attento e sensibile alle istanze del nostro territorio”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>