Manichino appeso sul ponte della superstrada: automobilisti spaventati, pensavano fosse un suicidio

di 

28 novembre 2013

FANO – Era in tuta, aveva scarpe da ginnastica e un cappuccio a coprirne il volto. Forse appositamente per evitare che a un primo sguardo quel corpo, con il cappio, che penzolava dal ponte della superstrada, si capisse che fosse un semplice manichino. E’ stato ritrovato così, appeso, poche centinaia di metri prima dell’uscita di Lucrezia. Uno scherzo? Un avvertimento? Sicuramente un spavento per molti passanti che, in auto, non potevano capire subito se quella sagoma appesa potesse essere un corpo o un fantoccio. Il primo allarme è stato dato da un camionista che ci ha sbattuto contro. Sul posto, dopo le numerose segnalazioni arrivate già nella notte, è intervenuta e ora indaga la polizia. Nessuna rivendicazione, nessuna scritta: un mistero.

banner unionmoda 285x285

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>