Gas e metano, quanto risparmio! Il titolare della Cargas di via Liguria: “Impianti sicuri ed economici… e la spesa si ammortizza in un anno”

di 

29 novembre 2013

Gianni Cuguru, il titolare della Cargas di via Liguria a Pesaro

Gianni Cuguru, il titolare della Cargas di via Liguria a Pesaro

PESARO – Tempi di crisi generalizzata. Anni scanditi da figli che stanno peggio dei padri. Da famiglie che non riescono più ad arrivare nemmeno alla terza settimana del mese. E i governanti di turno che fanno? Quasi sempre la stessa cosa: per recuperare qualche risorsa mettono mano a tasse e accise. Spessissimo si concentrano sulla benzina, diventata un bene primario trattato come fosse bene di lusso. Ecco che sempre più persone decidono di installare sulle proprie vetture più o meno attempate impianti a metano e gpl.

“Come impianti montati siamo al livello del 2012, anno in cui c’era stato un vero e proprio boom – la conferma arriva da Gianni Cuguru, titolare dell’Officina Car Gas di via Liguria – Il motivo principale di una simile richiesta è il prezzo della benzina sempre salatissimo. La spesa per l’installazione di un simile impianto? Dipende ma assolutamente accessibile, visto che si calcola che per ammortizzarla un automobilista che di media fa 15.000 chilometri all’anno ci metta 12 mesi”.

 

GLI IMPIANTI A METANO E GPL SONO SICURI

“Gli impianti a metano e quelli a gpl sono assolutamente sicuri”, spezza via anche quei pochi timori che albergano in qualche “vecchio” automobilista il titolare della Car Gas di Pesaro, che poi ammette che la resistenza di qualcuno è sulla difficoltà di reperimento di pompe per fare rifornimento.

 

DISTRIBUTORI? A PESARO CI SONO

“Ma per il gpl non c’è problema, dato che si trova in diversi punti della città, mentre di distributori di metano attualmente a Pesaro città ce n’è uno. Non va dimenticato, comunque, che c’è sempre la possibilità di andare a benzina, in modo da scongiurare il pericolo di rimanere a piedi”. Un particolare non da poco che a qualcuno sfugge.

 

COLLAUDI, SFATIAMO IL MITO

Gianni Cuguru, nella cui officina vengono effettuati anche collaudi di bombole a Gpl e metano, spiega poi come anche la manutenzione per chi ha installato nella sua macchina un impianto sia quasi inesistente: “Per una macchina a metano non serve nulla. Per una a Gpl bisogna cambiare filtro una volta all’anno, e la spesa è di 30 euro o giù di lì. Insomma, una spesa assolutamente contenuta, minore anche di una macchina a diesel”.

 

Per info:

Cargas Srl
Via Liguria, 5
61122 Pesaro (PU)
0721.453186

Un commento to “Gas e metano, quanto risparmio! Il titolare della Cargas di via Liguria: “Impianti sicuri ed economici… e la spesa si ammortizza in un anno””

  1. gino scrive:

    Io vado a gas dal 2002. Amo le macchine con tanti cavall e nel 2002 ne avevo una che sotto il cofano ne aveva 230. Consumava abbastanza come tutte le macchine potenti allora decisi di montare un impaianto a gas proproo alla Car Gas. Fu bello scoprire che le prestazioni non erano diverse da prima, era solo un poco più “pigra” in ripresa ma il risparmio mi faceva davvero dimenticare questo piccolo inconveniente.
    Nel 2009 l’ho cambiata e ne ho presa una con 250 cavalli ma l’impianto l’ho fatto sempre lì.
    E’ questa non è pigra in ripresa perchè se spingo forte sull’acceleratore il nuovo sostema passa in un millesimo di secondo da gas a benzina e la “bestiola” ti dà la spinta di tutti i 250 cavalli senza problemi.
    Ecco i problemi: io la macchina la tengo bene, ogni 20.000 kilometri cambio il filtrino del gas (spendo 25 euro) e di problemi non ne ho avuto uno che uno. Ogni anno vado alla car gas e faccio un controllo che i ragazzi mi fanno in cinque minuti col computer.
    Ppercorro circa 18-25 mila chilometri l’anno e dal 2012 ad oggi credo di aver risparmiato parecchie migliaia di euro. Oggi con 10 euro mi danno 13 litri di gas e con i miei 250 cavalli fuori città faccio 100 chilometri, non male e i distributori li trovo ovunque.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>