Bertini: “Bastia ha avuto più voglia di vincere, il successo è strameritato”. In vetta 7 squadre in 4 punti

di 

1 dicembre 2013

PESARO – Matteo Bertini, coach del Volley Pesaro, aveva avvertito: Bastia Umbra è una bella squadra. Caspita se aveva ragione.

Bertini parla alle ragazze. Foto Danilo Billi

Bertini parla alle ragazze. Foto Danilo Billi

“Caspita sì… aveva più voglia di vincere di noi, l’ha dimostrato, in lungo e in largo. E voglia di sacrificarsi. Mentre a noi è mancata la lucidità. Siamo rimasti in partita solo nel primo set, quando una decisione dell’arbitro ci ha portato sul 24 pari, ma prima, soprattutto nella fase iniziale, non è mancato il rammarico per le decisioni dell’arbitro sulla gestione del secondo tocco che ci hanno penalizzato. Eravamo sopra, ma abbiamo preso un break su un loro errore quando noi eravamo usciti da quella rotazione…”.

Poi, lei ha beccato anche un cartellino giallo: perché?
“Durante il secondo set ho perso la pazienza con il secondo arbitro e mi è scappata una frase un po’ oltre le righe”.

Una risposta onesta, quando altri allenatori – il primo che ci viene in mente è Mourinho – avrebbero accusato l’arbitro.
“Detto questo, loro hanno strameritato di vincere, per la voglia e l’entusiasmo con cui hanno affrontato la partita”.

Potenza del cognome: presentando la partita, Bertini aveva anticipato che avrebbe puntato sulle battute per togliere all’Edilrossi le peculiarità offensive. Al contrario, sono stati i servizi insidiosi di… Ubertini (era lei al servizio nel terrificante break di 0-7 nel primo set), come pure di Mezzasoma, a mettere in difficoltà la ricezione pesarese.
“Avevamo studiato bene le lori dinamiche di battuta, ma ci hanno messo in difficoltà. Soprattutto Mezzasoma ha un servizio forte e teso. Per quanto riguarda le altre, siamo stati poco bravi noi nella gestione della ricezione. Per quanto riguarda il nostro servizio, non abbiamo avuto il solito livello di battuta. Mi dispiace perché in queste partite è necessario rischiare. Loro sono una grande squadra, dovevamo iniziare ad aggredirle dalla battuta…”. Forse Zuccarini e compagne sono state condizionate da due errori nella fase iniziale che hanno fruttato l’8-7 e il 9-11. Due battute che hanno portato Bastia sul più due, dopo che sul più due c’era andata Pesaro. “Poi abbiamo perso il lume della ragione, soprattutto la pazienza. Nei fatti ci è accaduto quanto era occorso a loro la scorsa settimana contro Firenze. Non andava l’attacco e così non abbiamo difeso e dimenticato di battere con incisività”.

Ci sta che una squadra giovane vada in difficoltà dopo avere perso un set che poteva fare suo. Sotto di 6 (15-21), avete servito per chiudere, ma, concesso il pareggio, fallito due attacchi con Gioia e Fiesoli, elementi di punta del vostro gioco offensivo. Forse vincendo il primo set sarebbe cambiata la storia della partita.
“E’ il bello e il brutto di essere una squadra giovane. Ci esponiamo troppo all’errore. Con Bastia abbiamo sbagliato troppo anche nella gestione di situazioni in cui non si riesce a fare punto. Non bisogna cercarlo per forza, ma provare a mettere in difficoltà l’avversario. Quando ci siamo riusciti, loro hanno avito problemi. Avevo chiesto di fare difendere la loro palleggiatrice per togliere il gioco al centro, il gioco spinto. Ha funzionato a tratti, ma non abbastanza”.

Una curiosità, per ribadire che nello sport non ci sono regole precise. Bastia aveva perso in casa con Firenze, travolta a Pesaro dopo il vantaggio iniziale. Tornati a casa, ci siamo messi davanti alla tv per seguire la partita tra Imoco Conegliano e Liu Jo Modena. Chi ha vinto? Modena, che non più tardi della scorsa settimana era stata travolta, in casa, dal Novara di Luciano Pedullà; ha perso Conegliano, prima di sabato sera imbattuta tra campionato, Coppa Italia e Champions League.
Questo pomeriggio si sono disputate le partite in programma domenica. Il netto successo dell’Azzurra sul Valdarno Volley ha portato anche Casette d’Ete al secondo posto. Le dirette inseguitrici hanno vinto tutte e, approfittando del passo falso delle pesaresi, si è formato in testa un gruppo di sette squadre in 4 punti. Ognuna ambisce ai playoff promozione, ma i posti disponibili sono soltanto tre.

 

Questi i risultati:

Azzurra Casette d’Ete – Valdarno Volley Figline 3-0 (25-12; 25-15; 25-8)
San Michele Firenze – Alfieri Cagliari 3-0 (25-11; 25-18; 25-10)
Todi Volley – Lmd Group Pagliare 3-1 (25-22; 21-25; 25-22; 25-22).

Ricordiamo anche quelli maturati sabato:

Volley Pesaro – Edilrossi Bastia 0-3
Angeli del fango Olbia – Lucky Wind Trevi 3-1
Fortitudo Città di Rieti – Lardini Filottrano 2-3

 

Di conseguenza, questa è la classifica:

Pesaro 17
Casette d’Ete, Perugia e Filottrano 15
Bastia Umbra 14
Olbia e Firenze 13
Rieti e Todi 10
Loreto 7
Trevi 6
Figline Valdarno 5
Pagliare 4
Cagliari 0

Tags: , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>