Sapori e Aromi d’autunno, chiusura di successo per l’agroalimentare al Codma

di 

1 dicembre 2013

FANO – Seconda ed ultima domenica, questo 1 dicembre 2013, per Sapori e Aromi d’Autunno, che anche quest’anno ha messo in vetrina le eccellenze della tradizione enogastronomica marchigiana raccogliendo un entusiastico plauso del pubblico presente.

Alcuni stand

Alcuni stand

Oltre 13.000, infatti, i visitatori che si sono fermati al Codma nelle due domeniche della manifestazione e che hanno potuto godere degli splendi odori e dei sapori, a volte rari, che la produzione locale regala. “Sapori e Aromi d’autunno – spiega Gloriano Gambini, presidente dell’ASD Cuccurano che da anni organizza la manifestazione – è un’iniziativa capace di attirare l’attenzione di molti per una lunga serie di motivi tra i quali anche il pregio di mettere in relazione diretta il produttore e il consumatore dando forma effettivamente a quello che chiamiamo il mercato a Km zero. Ritengo che anche il lavoro, che ogni anno ci impegniamo a fare, di selezione su aziende e prodotti presenti in fiera sia di primaria importanza per il consumatore. E la presenza di un pubblico così numeroso, composto per lo più di persone intenzionate a comprare durante la visita, ce lo dimostra di anno in anno”.

Se la domenica inaugurale, lo scorso 24 novembre, era stata la giornata dedicata al premio Marche Nostre per aziende che si sono distinte nell’innovazione tecnologica della filiera o nella novità del prodotto, oggi è stata la volta delle premiazioni “L’oro delle Marche” per i migliori oli extravergine d’oliva locali. 117 le etichette che hanno partecipato alla competizione, 3 le categorie di premio, 18 gli assaggiatori professionisti che hanno giudicato i prodotti, 9 i vincitori.

Per la categoria FRUTTATO INTENSO: Frantoio Valter Cestini (primo classificato), Az. Agricola Stefano Prosperi (secondo classificato), Az. Agr. Saladino Saladini Pilastri (terzo classificato).

Per la categoria FRUTTATO MEDIO: Soc. Agr. Conventino di Monteciccardo (Primo classificato), Az. Agr. Vittorio Zannotti (secondo classificato), Az. Agricola I Tre Filari (terzo classificato).

Per la categoria FRUTTATO LEGGERO: Az. Agr. Mazzola di Manuel Giobbi (primo classificato), Az. Agr. Foglini e Amurri (secondo classificato), Az. Agr. F.lli Magi s.s. (terzo classificato)

 

Azienda Il Conventino di Monteciccardo - primo classificato olioFRUTTATO MEDIO

Azienda Il Conventino di Monteciccardo – primo classificato olioFRUTTATO MEDIO

 

 

 

 

 

Il presidente Olea, Ettore Franca, si esprime in maniera particolarmente lusighiera nei confronti dei produttori che hanno preso parte alla sfida quest’anno. “Siamo, io per primo – afferma Franca – letteralmente sbalorditi per la qualità che in generale abbiamo riscontrato in tutte le etichette partecipanti. L’annata climatica è stata infatti pessima e c’è stato un brutto periodo di attacco della mosca che han interferito con le produzioni. Nonostante questo possiamo, con grande orgoglio marchigiano, affermare che il risultato è stato ottimo per tutti: si pensi che dei 117 in gara soltanto 4 oli presentavano difetti per altro impercettibili a palati non abituati a fare questo genere di assaggi e che addirittura in un caso, quello della produzione di olio curata dai ragazzi dell’Ist. Agrario di Pesaro, si è riusciti a sfiorare lo zero assoluto di acidità dell’olio arrivando al livello dello 0,08%”.

 

Le aziende presenti al Codma per la XXVI° edizione di Sapori e aromi d’autunno sono state oltre 120 ed hanno presentato prodotti del territorio quali pecorini di fossa, tartufi, vini, salumi, pane e pasta, funghi, confetture e particolarità gastronomiche di ogni tipo, ma le “new entry” della XXVI edizione sonos tate le birre artigianali e le cioccolate. “E’ indispensabile – spiega Enrico Nicolelli, responsabile dell’organizzazione – dare spazio alla produzione locale e operarare per far incontrare domanda ed offerta in modo diretto. Sapori e Aromi d’Autunno è nata come una manifestazione di nicchia con pochi produttori e visitatori per lo più esperti. Adesso la nostra è diventata una fiera adatta ed aperta al grande pubblico, un punto di riferimento per il territorio, che cerca di coinvolgere anche i produttori più piccoli e speciali per farli conoscere. Siamo grati a tutti coloro che partecipano ogni anno e a chiusura di questa giornata fredda, ma estremamente positiva, voglio dare a tutti l’appuntamento al prossimo anno, sempre al Codma e, forse, con delle belle novità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>