Vis-Celano da incubo: dal 2-0 al 2-2 in 6 minuti. E ora?

di 

8 dicembre 2013

VIS PESARO – CELANO 2-2

VIS PESARO (4-4-2): Osso; E. Dominici (39′ st Tonucci), Cusaro, Martini, G.Dominici; Bianchi, Ridolfi, Omiccioli (35′ pt Di Carlo), Bugaro; Costantino (41′ st Costantini), Chicco. A disp.: Foiera, Pangrazi, Bartolucci, Tartaglia, Pieri, Cremona. All. Magi

CELANO (4-4-2): Bartoletti; Colantoni (28′ st Salvi), Rea, Fuschi, Simeoni (8′ st Mercogliano); Lancia, Evangelisti, Granaiola, Bordi; Aquaro, Dema (30′ st Valdes). A disp: Polidoro, Villa, Castellani, Salatiello, Mancini. All. Morgante

ARBITRO: Guida di Salerno

MARCATORE: 38′ pt Bugaro (V), 42′ pt Bianchi (V), 36′ st Valdes (C), 42′ st Fuschi (C)

NOTE: Al 19′ Chicco (V) sbaglia un rigore (parato). Spettatori 500 circa, 143 paganti per un incasso di 1481 euro. Allontanato al 49′ mister Magi (V). Ammoniti: Bordi (C), Rea (C), G. Dominici (V), Martini (V), Bianchi (V), Lancia (V). Angoli: 2-3 Recuperi: pt 3′, st 5′

Cusaro in azione. Il centrale novarese ha prolungato l'accordo con la Vis fino a fine stagione

Cusaro in azione. Il centrale novarese ha prolungato l’accordo con la Vis fino a fine stagione

PESARO – Tutto, o quasi, in 90 minuti. La Vis Pesaro, reduce dal derby incredibilmente perso contro la Fermana, riceve al Benelli (ore 14.30) gli abruzzesi del Celano: una partita importante (i marsicani hanno un impianto collaudato e vantano la seconda difesa meno battuta del torneo) per capire se la Vis avrà per l’ennesima volta la forza di rialzarsi e per capire, soprattutto, quali decisioni societarie saranno poi prese dopo gli annunciati tagli. Ma con un paio di precisazioni. La prima: nonostante alcuni ripetuti scivoloni, i biancorossi di Peppe Magi restano comunque a tre punti dalla zona playoff. La seconda: pur se si dovessero concretizzare altre partenze dopo Melis (che in settimana ha già salutato tutti andando al Montichiari), non ci sarà nessuna smobilitazione. Anzi: l’anno scorso, dopo i tagli pesanti di Paganelli e Urbinati, la Vis cambiò marcia e arrivò a giocarsi i playoff. Quest’anno, bisogna ricordarlo, l’attuale rosa folta è stata figlia anche delle emergenze patite a inizio stagione da Vagnini, Melis, Cremona e Chicco e tamponate dalla società con gli ingaggi di Cusaro, Costantino, Pieri e Bianchi. Ora, dopo quasi cinque mesi, è tempo di decisioni (ovviamente) dolorose e di capire chi è più congeniale al progetto e cosa vuole fare veramente questa Vis da grande. E’ sotto gli occhi di tutti che, Ancona a parte, nonostante diversi cali di concentrazione, questa squadra può potersela giocarsela contro chiunque e quindi ambire a un posto nei playoff. Ma bisognerà calibrare al massimo ogni scelta.

Oggi, intanto, s’inizierà a pesare la “nuova” difesa: senza Melis, con il giovane Pangrazi come primo ricambio over, si dovrà crescere anche sotto l’aspetto disciplinare. Martini (con Ridolfi, Omiccioli, Cremona e Di Carlo) è in diffida: occhio.

Nel Vis assente per squalifica Alberto Torelli, tornano a disposizione capitan Omiccioli e l’under Costantini reduce dal secondo provino in Scozia con i Rangers Galsgow. Nel Celano, invece, si rivede il maceratese Bordi (che, in estate, era stato accostato anche alla Vis)

28” Bianchi guadagna il fondo e mette in mezzo a un metro dalla porta, con Bartoletti fuori causa, Costantino incredibilmente sbaglia non trovando la sfera. Stessa scena dopo un minuto (esattamente a 1’48”), dal versante opposto: Bugaro affonda sulla sinistra e mette in mezzo, a centro area, Bianchi prova la battuta al volo, non impatta pulito, e non inquadra la porta per una questione di centimetri.

Vis arrembante quanto imprecisa: Bianchi affonda che è un piacere a destra, la difesa ribatte, il pallone rimbalza al limite dell’area dove Ridolfi, giustamente, cerca la conclusione al volo non inquadrando la porta.

12′ Bianchi scodella in mezzo l’ennesimo pallone, Rea strattona Costantino: l’arbitro lascia proseguire.

17′ Ammoniti Bordi: atterrato platealmente dopo una serpentina Ridolfi

19′ Rigore per la Vis: punizione di Omiccioli bassa per Costantino che cerca di girarsi, sul pallone si inserisce Cusaro che viene falciato platealmente in area. Rigore: dal dischetto ci prova Chicco che si lascia ipnotizzare da Bartoletti in angolo. Secondo rigore stagionale, dopo Isernia, da Chicco. Tre rigori su tre sbagliati dalla Vis in stagione.

21′ Brividi Vis: prima Bordi tenta la palla a giro fuori di poco, poi Osso chiude lo specchio a Lancia, liberato da un filtrante in area sulla destra, e poi lo stesso Osso pasticcia in presa alta perdendo la palla al limite e consegnandola, di fatto, a Granaiola che non riesce a concludere. La Vis accusa il colpo

25′ Ridolfi illumina la partita con i suoi lampi: si incunea tra le maglie marsicane, cambia marcia, entra in area ma alla fine conclude debolmente sfiancato dalla corsa.Ottimi segnali, comunque.

29′ Uscita alta di Osso, forse in leggero ritardo, su Dema in area, nella caduta il portierino biancorosso, oggi titolare al posto di Foiera come under classe ’95, resta a terra colpito al volto. Brutta botta in tutti i sensi per la Vis: il cambio con Foiera presuppone l’ingresso di Foiera ma anche di un altro classe ’95 per la regola degli under. Magi manda a scaldare Foiera e Bartolucci.

34′ Sfortuna Vis: Osso, colpito al naso, resta in campo. E’ Omiccioli, però, ad alzare bandiera bianca per un infortunio muscolare: al suo posto Di Carlo. Vis in campo con 6 under come il Celano. Bianchi, perfetto a destra, è costretto a spostarsi in mezzo.

35′ Incredibile palla gol mancata dalla Vis: Chicco allarga a destra per Bianchi che mette in mezzo, sulla palla si avventa Ridolfi che a tu per tu col portiere lo scavalca con un cucchiaio ma non con abbastanza forza: Rea spazza sulla linea in angolo.

38′ Rimessa laterale per la Vis: battuta lunga di Giovanni Dominici, Di Carlo tira, respinta della difesa abruzzese, sul pallone si avventa sul secondo palo Bugaro che, da posizione defilata, gonfia finalmente la rete: 1-0!!!!!!

42′ Raddoppio Vis: missile terra aria di Bianchi sugli sviluppi di una ribattuta, dopo una punizione di Ridolfi toccata per Costantino. Il jolly di Cantiano mette la porta nel mirino e dal limite buca imparabilmente Bartoletti. 2-0!!!!!!!

43′ Reazione Celano: cross di Colantoni, Aquaro impatta, Osso esce a vuoto e Cusaro in scivolata salva sulla linea.

La gioia dopo il gol di Bugaro al Celano

La gioia dopo il gol di Bugaro al Celano

45′ Bastonata di Costantino dai 25 metri sulla destra: il diagonale, tesissimo, basso, si va a infrangere sul secondo palo.

46′ Il Celano, però, non demorde: Dema, in area, prova la girata deviata in angolo.

Finisce il primo tempo: Vis in vantaggio 2-0. Come a Fermo fanno notare in tribuna. Massima attenzione e determinazione nella ripresa.

Secondo tempo: leggera pressione del Celano. Ammonito Giovanni Dominici per una entrata fallosa su Lancia.

Mister Morgante cerca di cambiare l’inerzia della partita passando al 4-3-3 con Mercogliano esterno sinistro del tridente con Aquaro e Dema, spostando Bordi basso a sinistra sulla linea difensiva.

13′ Martini entra a vuoto sulla trequarti e si becca il cartellino giallo: era diffidato, salterà l’Angolana. La Vis continua a prendere cartellini gialli evitabili; giallo anche a Bianchi per un fallo a centrocampo su Granaiola lanciato verso la trequarti vissina. Ripartenza nata da un errore di Ridolfi in appoggio. Subisce un po’ troppo la Vis che, in fase di non possesso, deve chiedere di più a Di Carlo, schierato a destra.

21′ si gioca poco, tanti falli, molti ammoniti: anche Lancia finisce tra i “gialli” per un brutto fallo da dietro su Ridolfi. Cartellino giallo con sfumature rosse.

Si spegne il Celano, la Vis torna a fare massa nelle metà campo abruzzese: Bugaro, tra i migliori in campo, parte palla al piede e serve Chicco che incespica al momento di entrare in area. Subito dopo è Di Carlo a trovare uno dei pochi affondi della sua partita ma il cuoio, tagliato poi in mezzo, è spazzato dalla difesa abruzzese. Di Carlo termina la corsa contro il cartellone pubblicitario.

36′ st Gol sbagliato, gol subito: Ridolfi prova il cucchiaio dopo 40 metri di campo palla al piede a tu per tu con Bartoletti che lo mura, sulla ripartenza una fiondata lancia Valdes che entra in area dalla sinistra e buca Osso: 2-1.

40′ Brividi Vis: Aquaro fugge ancora sulla sinistra, dove al posto di Eugenio Dominici uscito per crampi staziona Bianchi (Tonucci va a fare il centrale di centrocampo), in diagonale non inquadra il secondo palo per un soffio.

42′ Pareggio del Celano, film già visto: punizione, Aquaro spizza, la palla arriva sul secondo palo dove Fuschi trova la zampata del 2-2. Incredibile. Peggio che a Fermo: è stata resuscitata una squadra che, francamente, non era più in partita.

47′ Cusaro sfiora di testa il gol del 3-2: palla sopra la traversa. E’ l’ultimo atto.

Tags: , , , ,

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>