La Tua Fano benedice il Movimento dei forconi. Giacomo Mattioli: “Siete come noi”

di 

10 dicembre 2013

FANO – “La protesta del cosiddetto “movimento dei forconi”, che da ieri è in atto anche nella nostra città, non va sottovalutata per idealità e portata, e i manifestanti meritano l’attenzione e la solidarietà anche da parte di quelle forze politiche che, sul cambiamento, hanno fondato la propria esistenza”.

Giacomo Mattioli

Giacomo Mattioli

Lo scrive Giacomo Mattioli, segretario della Lista Civica “La Tua Fano”, che poi continua la sua analisi: “Certamente le motivazioni espresse nei “manifesti” programmatici della protesta potrebbero non essere condivisibili in toto, e nemmeno le modalità ostruzionistiche o peggio violente che talvolta fanno passare dalla parte del torto anche chi inizialmente sta da quella della ragione, ma una riflessione profonda sul particolare momento storico-politico-sociale che stiamo vivendo, sui sacrifici che ognuno di noi quotidianamente è chiamato a fare e su come uscirne va fatta doverosamente. La Lista Civica “La Tua Fano” è nata più di 10 anni fa per dare a Fano un cambiamento, un futuro migliore, una classe politica più vicina alla gente e ai suoi problemi perché proviene dalla gente. Per questo motivo esprimiamo la nostra solidarietà ai manifestanti che chiedono il rispetto della Costituzione, che combattono la burocrazia, la precarietà e la disoccupazione, che lottano per riappropriarsi della sovranità popolare e del proprio futuro”.

In conclusione: “A loro diciamo: non siete soli! Anche noi nel nostro piccolo 10 anni fa siamo scesi in campo e da allora ci stiamo adoperando per portare avanti questo cambiamento partendo dalla nostra città. Anche noi abbiamo il vostro stesso sogno: quello di un’Italia migliore”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>